Ti trovi qui: / / 09 febbraio 1900- La prima Coppa Davis

09 febbraio 1900- La prima Coppa Davis

L'insalatiera più famosa del mondo ha ormai più di un secolo ed è uno tra i trofei più ambiti da ogni tennista, ma qual è la sua storia?

Fu commissionata nel febbraio del 1900 da un giovane amante della racchetta, Dwight Filley Davis, che a quei tempi faceva parte della squadra dell'Università di Harvard.

Lui e quattro suoi compagni pensarono di sfidare i britannici in una competizione di tennis e, una volta ricevuto il via libera dalle rispettive associazioni, si organizzò il torneo.

Oltre a formulare la competizione, Dwight fece anche realizzare da un gioielliere di Boston il trofeo: una coppa d'argento molto simile ad un'insalatiera.

Il primo incontro si svolse in Massachusetts lo stesso anno e la squadra statunitense sorprese i britannici vincendo 3 a 0.

Il torneo fu inizialmente conosciuto come International Lawn Tennis Challenge, ma venne ribattezzato Coppa Davis dopo la morte di Dwight Davis nel '45.

Il torneo ebbe un successo inaspettato e oggi è una competizione che comprende 200 nazioni, un vero e proprio mondiale di questo sport.

Licenza Creative Commons
Condizioni d'uso e riproduzione

Mara Ramponi

"Mara est bordelique, bavarde, perverse, narcissique, mais on l'adore quand même. Elle est aussi philosophe, psychologue, douée en Français, très sympathique, comique...." ("Mara è disordinata, loquace, ostinata, narcisista, ma adorabile. È anche un po' una filosofa, una psicologa, dotata in francese, molto simpatica, divertente....") Ne sapeva Julie, la ragazza francese che conobbi durante un viaggio studio, altroché se ne sapeva.Direi che parole più azzeccate non potesse trovarne. Sono passati cinque o sei anni e sono sempre la stessa, forse con qualche ruga in più.

Un accordo ancora ingombrante: Sykes-Picot

Può un’intesa sconosciuta ai più essere ancora determinante?

24 marzo 1945 – Billboard pubblica la sua prima Top Ten!

la musica secondo la rubrica statunitense

METALLARO SI NASCE O SI DIVENTA?

Scimmiottando la teoria "Lombrosiana" dell'uomo criminale nato e atavico