Ti trovi qui: / / 10 Febbraio 1933 – Tragedia nel mondo del pugilato

10 Febbraio 1933 – Tragedia nel mondo del pugilato

America, semifinale al titolo mondiale dei pesi massimi tra Ernie Shaaf e il friulano Primo Carnera. Era il 10 Febbraio 1933, e sicuramente quel giorno non verrà mai scordato dal pugilato tedesco e italiano. L’incontro si disputò davanti a un pubblico numeroso, che incitava di combattere più tenacemente. Ernie aveva solo 24 anni e quella sera, sotto i riflettori del ring, perse la vita. Il pugile italiano gli si avvicinò e cercò di sollevarlo, ma nei suoi occhi si lesse la disperazione e la paura di avere fatto male. Nel frattempo il dramma per il tedesco si consumò e per Primo la soddisfazione della vittoria svanì presto. Ernie morì nel letto di ospedale qualche ora dopo ma, effettutata l’autopsia, i medici confermarono che la colpa non era del pugile ma di coloro che hanno permesso a Shaaf di partecipare all’incontro, dal momento che era già molto malconcio dal precedente.

 

Licenza Creative Commons
Condizioni d'uso e riproduzione

Cecilia Pizza

Università degli studi di Milano - Studentessa fuori sede di Comunicazione e società. Vivo la mia vita tra università, scout, amici e famiglia. Il mio weekend perfetto non può che essere tra le montagne. Una bella passeggiata, i calzettoni, le suole degli scarponi consumate, una canzone suonata con la chitarra nel bosco, scatolette di tonno e mais e un bel libro da leggere all'ombra di un albero. Tornare a casa , prendere carta e penna e mettere tutto nero su bianco. Ma se mi proponeste una giornata di relax alle terme non pensate che rifiuterei.

Ladri di libri mai…Affamati di cultura sì! Cosa è successo nella biblioteca di Via Noto?

Che cos'è un libro? La parola stessa corrisponde all'incertezza semantica e molti che hanno preparato l'esame di storia della stampa e dell'editoria lo sanno bene. Libro &egr...

L'enigma della semplicità: Edward Hopper.

Alla scoperta dell'artista statunitense che ha stregato il novecento.

La pace secondo John Lennon

Dalla protesta "bed in" allo slogan "give peace a chance"