Ti trovi qui: / / 26 marzo 1937 – Braccio di Ferro a Crystal City

26 marzo 1937 – Braccio di Ferro a Crystal City

Chi non conosce Braccio di Ferro? Nessuno credo, per molte generazioni è stato il cartone più visto e amato dai bambini. Popoye the sailor man (Braccio di Ferro) è un personaggio immaginario statunitense creato da Elzie Crisler Segar, che è apparso per la prima volta in strisce a fumetti nel 1929, per poi essere trasmesso in cartoni cinematografici e televisivi.  Le qualità fisiche del marinaio erano il fulcro delle puntate: resistente alla stanchezza, riflessi pronti, veloce, forte e tante altre, grazie alla latta di spinaci che mangiava prima di affrontare un temibile avversario. A Crystal City (Texas), città fondata da agricoltori la cui produzione principale era quella di spinaci, il 26 marzo 1937 i coltivatori decisero di erigere una statua in onore del personaggio Braccio di Ferro, per la sua forza eccezionale ottenuta mangiando spinaci. Occhio quindi a chi non mangia questa magica verdura… non potrete mai essere potenti come Braccio di Ferro!

Licenza Creative Commons
Condizioni d'uso e riproduzione

Cecilia Pizza

Università degli studi di Milano - Studentessa fuori sede di Comunicazione e società. Vivo la mia vita tra università, scout, amici e famiglia. Il mio weekend perfetto non può che essere tra le montagne. Una bella passeggiata, i calzettoni, le suole degli scarponi consumate, una canzone suonata con la chitarra nel bosco, scatolette di tonno e mais e un bel libro da leggere all'ombra di un albero. Tornare a casa , prendere carta e penna e mettere tutto nero su bianco. Ma se mi proponeste una giornata di relax alle terme non pensate che rifiuterei.

Ladri di libri mai…Affamati di cultura sì! Cosa è successo nella biblioteca di Via Noto?

Che cos'è un libro? La parola stessa corrisponde all'incertezza semantica e molti che hanno preparato l'esame di storia della stampa e dell'editoria lo sanno bene. Libro &egr...

L'enigma della semplicità: Edward Hopper.

Alla scoperta dell'artista statunitense che ha stregato il novecento.

La pace secondo John Lennon

Dalla protesta "bed in" allo slogan "give peace a chance"