Ti trovi qui: / / A new tool, for a different future. Wing4students

A new tool, for a different future. Wing4students

Giunto quest'anno  alla quarta edizione, Wing4Students, oggi è l'unico l'unico programma di edutainment italiano per imparare l'inglese in modo alternativo ed innovativo. Le iscrizioni aperte fino al 30 gennaio 2018.
Il format è stato progettato a livello nazionale al fine di poter offrire a tutti gli studenti italiani l'opportunità di migliorarsi.
In palio sono stati messi numerosi premi, ma la sua Vera peculiarità è quella di offrire un contenuto con altissimo valore sociale gratuitamente.
 Il concorso è rivolto a tutti gli studenti universitari italiani e ai laureati sotto i 28 anni L'iscrizione è individuale e non a squadre, tramite il sito www.wing4students.com

Inizia tutto con un 'placement test' e con lo studio on-line dal primo febbraio. Si studia e si progredisce attraverso i corsi di inglese DynEd, software di concezione americana, ed il supporto di tutor qualificati via Skype attraverso sessioni di 20 minuti facilmente ed agilmente programmabili.
Verranno premiati i primi 50 classificati in base all'impegno messo in campo e misurato scientificamente da un sistema di monitoraggio e valutazione automatico. Per imparare la lingua l'allenamento è vincente e solo chi si allena merita di vincere!
Questo per assicurare che l'iniziativa raggiunga il suo scopo: far migliorare l'inglese di chi partecipa. 

L'obiettivo primario di Easy, società organizzatrice, è infondere confidenza e competenza in inglese nei giovani, affinché questo possa essere un valido tool per il loro futuro ed aggiungere un plus alle loro skills.
Antonio Lasi, CEO di E-ASY  S.r.l. ci racconta che questo progetto, come ogni progetto vincente, ha un inizio molto personale e legato alla sua storia ed i suoi avvenimenti
Nonostante oggi spesso ci capita di usare inglesismi e avere la percezione che la lingua inglese sia così prossima a noi, la difficoltà e la fatica richiesta per impararla non sono cambiati. 
Cosi EASY crea Wing4students un prodotto gratuito reso possibile dalla partecipazione al progetto del Gruppo Unipol. 
«E’ una vera soddisfazione - spiega Antonio Lasi, CEO di Easy, organizzatore dell'iniziativa -quando si osservano i progressi ottenuti da una cinquantina di partecipanti finalisti dell'edizione 2017. Abbiamo analizzato i dati, tracciati dal Records Manager di DynEd e verificati attraverso lo stesso strumento di valutazione-test utilizzato per determinare il livello di ognuno all'inizio e alla fine, cioè a circa a quattro mesi di distanza l'uno dall'altro.
Ebbene, per tutti lo scarto minimo è di due livelli della scala Qcer, (es. da A1 a B1), ma per molti di loro il progresso è stato da un livello iniziale Beginner a un B2. Questi ragazzi hanno ottenuto in tre mesi un risultato a cui l'inglese scolastico non sempre riesce ad arrivare in 12 anni».

Licenza Creative Commons
Condizioni d'uso e riproduzione

Miriam Tagini

Università Cattolica. Studente di Linguaggi dei Media. Ritardataria e sognatrice di professione. Determinazione è la mia parole d'ordine. Sono convinta che ognuno di noi, anche se nel proprio piccolo, ha le potenzialità di stravolgere la propria vita e cambiare il mondo. Mi piace essere circondata di parole, con le quali cerco di raccontare la realtà che vivo quotidianamente. Cosa voglio fare da grande? La giornalista, ovvio.

Lethal Aid and the Syrian Chessboard

Distributing lethal aid to Syrian rebels will escalate the international proxy war. Following a string of high-profile victories by Syrian government forces, the Obama administration announced that...

Climate Change: Are We there Yet?

Is the current heat wave caused by climate change? In early 2017, Fair Observer published my article just ahead of President Donald Trump’s inauguration discussing the possible cour...

The Daily Devil’s Dictionary: Be “Available” and Get Rich

This is how to make yourself available and rich in our culture. Yahoo News asked best-selling author Jen Sincero why so many people aren’t rich. Her answer tells us a lot about US culture today....