Ti trovi qui: / / Accordo tra l'Università di Trieste e la Sharif University of Teheran

Accordo tra l'Università di Trieste e la Sharif University of Teheran

E' da poco rientrato da Teheran, capitale della Repubblica Islamica dell'Iran, il Rettore dell'Università di Trieste, prof. Maurizio Fermeglia, dove ha stipulato un nuovo accordo di collaborazione con la Sharif University of Technology, un'università politecnica tra le più importanti di tutta l'area mediorientale. Ad accompagnarlo il collaboratore del Rettore per la ricerca scientifica e tecnologica, prof. Michele Pipan, ed il prof. Angelo Bassi del Dipartimento di Fisica del nostro ateneo. E' stato, pertanto, stipulato fra le due Università un importante protocollo di collaborazione internazionale che consentirà lo scambio reciproco di docenti e ricercatori, lo scambio di studenti, lo sviluppo congiunto di ricerche scientifiche, come pure offrirà le basi per avviare dei programmi di insegnamento congiunti o "joint degree". Il Rettore Maurizio Fermeglia ha espresso "grande soddisfazione per la stipula di questo nuovo accordo di collaborazione con un paese che, peraltro, sta avendo una forte fase di apertura verso l'esterno, testimoniata anche da alcuni brillanti giovani ricercatori iraniani presenti attualmente nel nostro Ateneo. Né vanno sottovalutate le grandi potenzialità economiche del paese asiatico, ed il loro forte interesse di sviluppo specie nei settori scientifici e tecnologici."
Licenza Creative Commons
Condizioni d'uso e riproduzione

Vuoi laurearti velocemente e con voti alti? Ecco i due ex-studenti lavoratori che ti svelano come fare!

Si chiamano Nicola Guarino (27 anni, Laurea in Economia e Amministrazione Aziendale) e Attilio Cordaro (28 anni, Laurea in Giurisprudenza) i due ex studenti universitari lavoratori di Palermo che inse...

Rylers go crowd. Raise the Right to Impact

As the Milan-based start-up Ryler (www.ryler.org) is about to launch its crowdfunding campaign through 200Crowd (www.200crowd.com), one of the fastest growing platforms in Italy, some attention should...