Ti trovi qui: / / BILLIE HOLIDAY: UNA VOCE RIVOLUZIONARIA

BILLIE HOLIDAY: UNA VOCE RIVOLUZIONARIA

Con l’affermazione del blues, i temi dell’uguaglianza e dell’integrazione trovarono un significativo veicolo di comunicazione nella musica. In una società come quella americana che negava agli afroamericani la dignità, l’uguaglianza e persino i mezzi per conquistarla, le grandi cantanti blues come “Nina Simone, Bessie Smith, Billie Holiday e molte altre dovevano il loro successo e la loro popolarità proprio all’intima conoscenza e personale esperienza “blues” della vita degli afroamericani; esse divennero simboli e portavoci della comunità nera e avrebbero contribuito grandemente a indicare alle donne un lento e difficile processo di emancipazione.

La prima che si espose contro le forme di violenza più crude nei confronti dei neri è stata Billie Holiday

Nessuno meglio di lei sapeva il significato della sofferenza, A soli dieci anni fu violentata da un inquilino della madre e giudicata corrotta fu rinchiusa in un riformatorio. Divenne una giovane prostituta che poi, per caso, venne assunta come cantante in un locale di Harlem .

Era il 1939, anno in cui il cinema celebrava una pacifica coesistenza tra bianchi e neri con il film “ Via col Vento”, ma la verità era un’altra. Le tragedie del razzismo e del Ku Klux Klan vengono portati in musica da una canzone durissima, dal testo crudo e cantato dalla voce sofferta di Billie Holiday. Nessuna casa discografica, infatti, all’inizio accetta di pubblicare il brano. La cantante, però, crede molto nel potere di quelle parole e continua a cantarlo.

Strange fruit” parlava dei neri linciati, appesi come “ strani frutti” agli alberi poco fuori dalla città. Il testo gira completamente intorno a questa metafora e solamente alla fine della canzone si capisce che lo “strano frutto” penzolante dall’albero è il cadavere di un nero impiccato.

Il testo è crudo e straziante  solo il modo di cantare così sofferto e pieno di pause della Holiday poteva rendere giustizia a quei versi. Purtroppo la denuncia razziale era ancora un tabù per l'epoca, nonostante venne successivamente definita come la prima canzone di protesta, "la prima significativa protesta in parole e musica, il primo lamento non tacito contro il razzismo".

La diffusione di “ Strange Fruit”,ha impresso un’impronta fondamentale  perché combinava elementi di protesta e di resistenza al centro della cultura musicale dei neri, avviando così un processo di riappropriazione delle origini africane e del culto della diaspora  riportato alla luce solo anni dopo dal “be bop” e soprattutto negli anni '60.

Veronica Perazzolo

Licenza Creative Commons
Condizioni d'uso e riproduzione

Veronica Perazzolo

Un'artistoide dall'indole nomade . Non amo la caoticità della città, vivrei perennemente a piedi scalzi, con la biografia di qualche veterano della " summer of love" e Neil Young in sottofondo. Non amo calpestare lo stesso suolo troppo a lungo. Filosofa a tempo perso e cantante soul a tempo.. indeterminato. Vivo tra l'Italia e l'Australia da cinque anni, sempre alla ricerca di quelle " Good Vibes" tra concerti, festival e amicizie singolari. Sono sempre più convinta di essere nata nell'epoca sbagliata. Gli anni 70 avrebbero fatto più al caso mio.

Conosci Edo?

Ecco l'app che ti spiega cosa stai mangiando

Golosi si nasce

L’amore per i dolci è scritto nel DNA