Ti trovi qui: / / Colletta online: ecco Splitit, la startup che trasforma il modo di raccogliere denaro

Colletta online: ecco Splitit, la startup che trasforma il modo di raccogliere denaro

Raccogliere il denaro è spesso il momento più complicato e macchinoso nella pianificazione di un evento. Immaginate ad esempio di dover organizzare una colletta per la laurea di un vostro amico: ciò che vi aspetta sono decine di telefonate, centinaia di messaggi e una macchinosa raccolta delle varie quote di mano in mano.

A questo punto immaginate che esista un modo per spazzare via tutti questi noiosi passaggi, e che questo metodo sia un sito che vi permetta di gestire in modo semplice ed intuitivo tramite un gruppo  online dedicato la raccolta del denaro e tutti i passaggi complementari. Bene, immaginare non è necessario: una piattaforma di questo genere esiste già e si chiama Splitit.

Nata circa un anno e mezzo fa da un'idea di Carlo Graziano, Splitit è una start-up innovativa che permette sia di raccogliere quote online in occasione di matrimoni, lauree, compleanni e feste, sia di creare collette pubbliche, a scopo benefico o personale, che possono poi essere promosse attraverso il magazine dedicato del sito, lo Splitit Mag.

Gestito da un team attivo 24h, e articolato su due sedi, una a Milano ed una Catania, negli ultimi mesi il sito sta attraversando una fase di crescita esponenziale, dovuta alle sue peculiari caratteristiche. Infatti, rispetto alla pur vasta concorrenza, l'offerta di Splitit spicca per alcuni elementi estremante vincenti, primi tra tutti l'estrema semplicità e la vocazione social.

Moltissimi studenti utilizzano già il sito per realizzare progetti e per raccogliere denaro, soprattutto per regali di laurea. Come ci ha spiegato lo stesso Carlo, creare una colletta richiede meno di 1 minuto: basta darle un nome, inserire un’immagine di copertina e la descrizione. Diverse opzioni avanzate permettono inoltre di arricchire la colletta con tutto ciò che serve come mappa, obiettivi, privacy, inviti tramite sms ed email per liste private. Aggiungo che, proprio negli ultimi giorni, abbiamo implementato i bottoni per condividere le collette sui social media, in modo da rendere ancora più semplice la loro diffusione”.

Questo è Splitit, ma non solo: se infatti il core del business è rappresentato dall'organizzazione di regali di laurea, viaggi e liste nozze, l'ambiziosa start-up non nasconde di avere una forte vocazione sociale e di avere tutta l'intenzione di metterla a frutto. Già ora, attraverso un sistema di indicizzazione interno, il sito pubblicizza i progetti più meritevoli e di maggior portata, e per il futuro Splitit punta, anche grazie alla sua seguita sezione Magazine, a fare da cassa di risonanza per progetti sociali e ad aiutarli nella raccolta dei fondi.

Nel frattempo, il bacino utenti del sito continua a crescere, con un traffico web al momento che su aggira attorno ai 40.000 utenti unici mensili, e circa 400 collette create dalla sua nascita ad oggi; risultati incredibili se si pensa che la promozione del portale è iniziata solo a gennaio e che il sito è stato messo online a novembre.

Ora dunque non vi resta che visitare il sito e la sua sezione magazine per leggere i racconti e le esperienze di molti ragazzi che hanno già utilizzato il servizio, e la prossima volta che vi troverete a dover organizzare un regalo per un amico o a cercare di raccimolare dei fondi per un vostro progetto, ricordatevi questo nome: Splitit.

#splitit #colletta #regalodilaurea #università

Licenza Creative Commons
Condizioni d'uso e riproduzione

Samuele Casadei

Università degli Studi di Milano. Studente di Scienze Politiche. Dietro il tipico tamarro di periferia si cela un sentimentalone amante della poesia e della natura. Ritiene la musica l’arte più incantevole di tutte e si diletta nell’ascolto dei gruppi Indie più disparati. Sa di non sapere, quindi sa.

Digital Transformation in the Hospitality industry - Workshop

"From Keyless to Hotel & Vacation Rentals Automation"

Workshop - Digital transformation in the fashion industry

How to exploit DTC, the new paradigm in the retailing industry