Ti trovi qui: / / Come trovare l’uomo giusto?

Come trovare l’uomo giusto?

Quante volte guardando due persone hai pensato “sono fatti l’una per l’altro”? E quante volte ti è capitato di aver ragione? Se l’intuizione e il fiuto non ti mancano, sarai contento della nuova professione che è nata sul digitale. Letteralmente si chiama “Matchmaker”. In sostanza si tratta di qualcuno che “svolazza” nelle dating up per favorire l’incontro tra utenti che gli sembrano compatibili. Una sorta di Cupido in digitale. Le regole? Fondamentalmente nessuna: è una questione di istinto sentimentale. Per arrivare a scorgere particolari affinità secondo una sensibilità umana che manca al filtro automatico, generato dagli algoritmi delle app.
 

Quello del Matchmaker non è altro che un mestiere tradizionale “restylizzato”: una sorta di evoluzione in 2.0 dei tradizionali agenti matrimoniali. Perché i nuovi Cupido digitali indagano, scrutano, pesano, collegano e integrano tra loro gli utenti registrati. Insomma si danno fa fare perché il match scatti. Il loro lavoro si svolge online, grazie a software specifici selezionati dall’azienda. Dopo un primo filtro automatico che restringe i possibili candidati al match, ecco che restano foto, preferenze, passioni e tendenze della personalità da analizzare. Starà allora al Matchmaker di turno occuparsi dell’ultima selezione. Cogliere quel dettaglio di una foto che rende A più affine a D che a C. Assumersi la responsabilità del collegamento finale: quello da cui dipenderà la riuscita o meno dell’incontro virtuale. E, chiaramente, la valutazione della propria performance. Sia in termini economici che di affidabilità.

Le dating app puntano così sul “fattore umano” per incrementare il business e il feeling online. E i risultati per ora sono dalla loro parte. Ogni giorno più del 30% dei profili combinati si evolve in match. Ne è prova Once, la dating app che propone un match online al giorno.
Il Matchmaker è un mestiere totalmente nuovo in un settore che, contrariamente alle tendenze del mercato, ha ancora tanto bisogno di apporto umano” - ribadisce Jacopo Magni, Country Manager Italia Once.

Per avere a che fare con l’amore non serve essere esperti. Basta essere umani: persone sensibili, empatiche e attente alle richieste dell’altro. Anche quando si tratta di un utente online che non conosciamo. Naturalmente il tempo e la pratica migliorano le abilità: cogliere il feeling è una questione di talento e allenamento. Insomma, non resta che augurare buona fortuna ai candidati al match. E, soprattutto, al matchmaking.
 

Licenza Creative Commons
Condizioni d'uso e riproduzione

Cecilia Pizza

Università degli studi di Milano - Studentessa fuori sede di Comunicazione e società. Vivo la mia vita tra università, scout, amici e famiglia. Il mio weekend perfetto non può che essere tra le montagne. Una bella passeggiata, i calzettoni, le suole degli scarponi consumate, una canzone suonata con la chitarra nel bosco, scatolette di tonno e mais e un bel libro da leggere all'ombra di un albero. Tornare a casa , prendere carta e penna e mettere tutto nero su bianco. Ma se mi proponeste una giornata di relax alle terme non pensate che rifiuterei.

Treasures from the Wreck og the Unbelievable: Damien Hirst.

Una mostra strepitosa di uno degli artisti più controversi del momento.

Assenzio e inchiostro di stampa: Henri de Toulouse Lautrec.

In mostra Verona, fino al tre settembre, le locandine e i disegni del maestro della Parigi bohémienne del tardo ottocento.

MASTER in FINANZA&CONTROLLO

32° EDIZIONE 4 NOVEMBRE 2017