Ti trovi qui: / / Cortometraggi Pixar: quando nascono?

Cortometraggi Pixar: quando nascono?

Prima di ogni film Disney Pixar, lo spettatore assiste alla proiezione di un cortometraggio animato, della durata di poco più di cinque minuti e, la maggior parte delle volte, senza parole.

La loro storia inizia negli anni ’80: la Pixar Animation Studios, infatti, è stata fondata nel 1986 e, solo dal 2006, è di proprietà Disney. Nata inizialmente come divisione della LucasFilm di George Lucas – regista di Guerre Stellari – venne acquistata da niente di meno che Steve Jobs. Principalmente dedicata alla grafica dei computer, per gestire e elaborare immagini di grandi dimensioni, ebbe successo grazie alla sezione dedicata alla computer grafica. Personaggio chiave fu John Lasseter che, avendo già esperienza nella Disney in animazione, si dedicò a sviluppare lavori con la tecnica a pc. Il primo fu, nel 1984, “The Adventures of André and Wally B.” lavoro non facile, contando i problemi tecnici presenti.

Curiosità: la simpatica lampada che salta presente nel simbolo della compagnia, deriva dal corto “Luxo Junior”, il primo considerato opera artistica, che racconta la storia di una lampada “junior” che gioca con una pallina.

Il primo Oscar vinto con un cortometraggio è del 1988, con “Tin Toy”, mentre il primo che presenta parole è “L'agnello salterello” del 2005, presentato prima del film “Incredibili”.

Ora non resta altro che guardarli tutti: sono simpatici, dolci e accattivanti. Li potete trovare tutti su Youtube.

Licenza Creative Commons
Condizioni d'uso e riproduzione

Isabella Gavazzi

Università degli Studi di Milano - Arriva dalla verde Valtellina, da tre anni fuori sede nella grande Milano. Al primo anno di Scienze della Musica e dello Spettacolo, è appassionata a tutto ciò che questo campo comprende. Suonatrice di sax a tempo perso, sogna di avere giornate di 48 ore, in modo da fare tutto quello che le piace. Scrivere, andare a teatro, ascoltare musica: ecco cosa vuole fare da grande.

Treasures from the Wreck og the Unbelievable: Damien Hirst.

Una mostra strepitosa di uno degli artisti più controversi del momento.

Assenzio e inchiostro di stampa: Henri de Toulouse Lautrec.

In mostra Verona, fino al tre settembre, le locandine e i disegni del maestro della Parigi bohémienne del tardo ottocento.

MASTER in FINANZA&CONTROLLO

32° EDIZIONE 4 NOVEMBRE 2017