Ti trovi qui: / / Cosa ci dice LinkedIn sulla nostra società

Cosa ci dice LinkedIn sulla nostra società

La parola più utilizzata per descriversi sul social network lavorativo quest’anno è “specializzato”. L’anno scorso era “creativo” insieme a “problem solver”: attraverso la classifica degli aggettivi più usati (e abusati) per ottenere proposte di lavoro, si ottiene una panoramica delle tendenze italiane nel campo delle assunzioni. O almeno, di quelle che le persone pensano siano le qualità più richieste. Così nel 2017 sembra più importante sottolineare il fatto di avere esperienza piuttosto che altre qualità, ma non solo: a livello globale, le parole più usate solo “leadership” e subito dopo “appassionato”. Insomma, parole che dicono tutto e niente, e dal momento che vengono così tanto utilizzate, anche sproposito, perdono il loro valore. Per questo contano i fatti concreti più delle descrizioni.

Ma a quale lavoro puntare se si vuole ottenere un’alta remunerazione? LinkedIn stesso ha stilato una classifica degli impieghi più amici della busta paga: da ingegnere delle vendite a ingegnere informatico, a Product Manager, Program Manager, analista finanziario e ingegnere di Software. A sorpresa, nella classifica compaiono anche il dottore, il farmacista è l’infermiera in clinica. Ovviamente i risultati sono calcolati a livello globale, quindi non valgono solo per l’Italia dove i trend in alcuni campi è diverso.

E come sono distribuite le posizioni lavorative? Attraverso il social network possiamo avere una buona proiezione anche di questo: per la festa della donna infatti LinkedIn ha analizzato i profili professionali dei suoi utenti (più di 450 milioni). E ne è venuto fuori che in Italia più di un manager su quattro è donna. Il nostro Paese si trova al nono posto in Europa, mentre a livello globale, la più alta percentuale (31%) viene raggiunta in Australia. Anche se la parità non è ancora stata raggiunta, in tutti i Paesi si è registrato un aumento delle professioni femminili. Il gap di genere viene colmato solo nel no-profit e nell’istruzione. È senza dubbio un buon risultato, anche se è difficile dimenticare il consiglio che pochi mesi fa un job recruiter aveva pubblicato sempre su LinkedIn: donne, se volete ottenere il lavoro, toglietevi l’anello di fidanzamento. A dir poco allarmante.

In definitiva, LinkedIn rimane un ottimo strumento sia per crearsi contatti lavorativi sia per comprendere meglio in che direzione sta andando il mercato del lavoro. E nonostante le critiche ricevute ultimamente rispetto alla sua affidabilità, rimane un buon mezzo per provarci.  

Licenza Creative Commons
Condizioni d'uso e riproduzione

Nouvelles de France

German Chancellor Angela Merkel already faces complex coalition negotiations with at least three other parties. Now French President Emmanuel Macron wants in on the act. Macron and Merkel on Au...

JOB&ORIENTA, LA FIERA PER TROVARE LA PROPRIA ROTTA

COS’E’? La mostra convegno - giunta alla XXVII edizione - si presenta quest’anno con tantissime progettualità dedicate a giovani e docenti e un’attenzione crescente v...

Tra sacro e purissimo: Salvador Dalì.

Una mostra interessante a Gavirate (VA) di un nuovo Dalì, un Dalì dantesco e religioso.