Ti trovi qui: / / Eccellenze made in Statale a ‘La Meglio Gioventù’

Eccellenze made in Statale a ‘La Meglio Gioventù’

Mafie al nord, pirateria, organizzazioni criminali transnazionali, strategie di contrasto, corruzione e molto altro. Diversi gli argomenti toccati dalle tesi di laurea presentate ieri sera nella Sala Lauree della Facoltà di Scienze Politiche, Economiche e Sociali dell'Università degli Studi di Milano, in occasione della quinta edizione de 'La Meglio Gioventù'. Tutti, però, tenuti insieme dallo stesso filo conduttore: il corso di Sociologia della Criminalità Organizzata del professor Nando dalla Chiesa.   Aumentano di anno in anno gli studenti che si appassionano allo studio delle organizzazioni mafiose e che approfondiscono la materia per concludere la loro carriera universitaria. E' il caso di Samuele Motta, che ieri sera ha presentato la tesi "Il contesto criminogeno. Criminalità organizzata e conflitti bellici: sei casi a confronto": «Credo che le organizzazioni criminali transnazionali siano già oggi la principale sfida che attende gli Stati e la loro politica internazionale. Ad oggi sono ancora pochi gli analisti e i politici che la considerano». Eleonora Di Pilato, laureatasi con la tesi "Movimenti di guerriglia e criminalità organizzata in Africa subsahariana", ha invece insistito sull'importanza dell'approccio di studio della Sociologia della Criminalità Organizzata, che le ha permesso di mettere insieme cause storiche, socio-politiche e strategiche. Per ragioni di tempo purtroppo, hanno parlato solo gli studenti usciti con 110 o 110 e lode, mentre gli altri sono stati presentati brevemente da Dalla Chiesa. A stupire il pubblico a metà serata è stata però la presentazione di MafiaMaps, la prima grande mappatura del fenomeno mafioso in Italia concentrata in un'applicazione per smartphone e tablet. Aumentano di giorno in giorno i like sulla pagina Facebook dedicata al progetto, così come le visualizzazioni su Wikimafia. A parlare del progetto è stato proprio l'ideatore Pierpaolo Farina, tra l'altro autore della tesi "Mafia & Capitalism: a love story" e fondatore di Wikimafia – libera enciclopedia sulle mafie. Dal 21 marzo al 23 maggio sarà possibile contribuire alla realizzazione del progetto attraverso la campagna di crowdfunding. «E' ora che tutti si impegnino concretamente al posto di lamentarsi e basta di quello che non funziona, - ammonisce Farina – perchè l'Italia è un paese troppo bello per essere lasciato in mano ai mafiosi». A prendere parola davanti a una numerosissima platea non sono stati solo i laureati, ma anche diversi esponenti dell'università e del Comune di Milano, come il rettore Gianluca Vago, il direttore del dipartimento di Scienze Politiche e Sociali Antonio Chiesi, l'assessore alle politiche giovanili del Comune di Milano Pierfrancesco Majorino, l'assessore alla Sicurezza e alla Coesione Sociale Marco Granelli, il presidente della commissione regionale antimafia Gian Antonio Girelli, il presidente del consiglio comunale Basilio Rizzo e, naturalmente, il professor Dalla Chiesa che, con orgoglio, non ha nascosto di aver lui stesso imparato qualcosa dalle tesi dei suoi studenti. Durante l'occasione abbiamo intervistato per voi il Magnifico Rettore Gianluca Vago e il professor Nando Dalla Chiesa: [embed]https://youtu.be/bBrTUtOgjdM[/embed]
Licenza Creative Commons
Condizioni d'uso e riproduzione

Digital Transformation in the Hospitality industry - Workshop

"From Keyless to Hotel & Vacation Rentals Automation"

Workshop - Digital transformation in the fashion industry

How to exploit DTC, the new paradigm in the retailing industry