Ti trovi qui: / / Facebook, nuove regole per la community e non solo

Facebook, nuove regole per la community e non solo

Da qualche tempo, il social network più famoso e usato del mondo, ha deciso di mettere un po' in ordine la sua policy; sopratutto per quanto riguarda la rimozione dei contenuti e, più in generale, gli atteggiamenti da tenere sulla piattaforma, annunciando l’aggiornamento con un lungo post sul blog ufficiale. Il nuovo testo sulle Community Standards è decisamanete più dettagliato rispetto ai precedenti, ed è un ulteriore tentativo da parte di Facebook di trovare un equilibrio tra la libertà d'espressione, la privacy e la sicurezza. Questa guida - ha spiegato Monika Bicket, capo dei contenuti della policy di Facebook, alla BBC - dovrebbe servire a eliminare tutte le confusioni che riguardano le motivazioni che portano ad accogliere o meno le richieste di rimozione dei contenuti da parte degli utenti. Le nuove regole principali riguardano: BULLISMO Il bullismo, le molestie e le reiterate richieste d'amicizia non sono più tollerate"Non sono permesse le pagine che prendono di mira e umiliano una persona, le immagini alterate per umiliare qualcuno, la diffusione di informazioni personali per ricattare o molestare qualcuno, l'invio ripetuto e costante di richieste di amicizia e messaggi non desiderati". Per quanto riguarda i personaggi pubblici, il discorso è diverso sulla base di onori e onori, ma anche le critiche a questi sono ammesse entro certi limiti. FOTO DI NUDI La nuova policy è molto dettagliata per quanto riguarda le immagini di corpi nudi. Nonostante venga permessa la pubblicazione di foto di mamme che allattano, sono severamente proibite le immagini che lasciano intravedere determinate parti del corpo, come i capezzoli o il sedere. Proibiti anche testi che includono una descrizione (troppo) minuziosa di atti e rapporti sessuali. VIOLENZA, DI OGNI TIPO Il nuovo testo sulla policy dice: "Rimuoviamo i contenuti che minacciano o promuovono la violenza sessuale e lo sfruttamento, compreso lo sfruttamento sessuale di minori e le molestie sessuali. La nostra definizione di 'sfruttamento sessuale' comprende la richiesta di materiale sessuale, qualsiasi contenuto sessuale riguardante minori, le minacce di condividere immagini private, l'offerta di prestazioni sessuali". TRASPARENZA DEI GOVERNI Il social network Facebook ha deciso di pubblicare un rapporto sulla trasparenza dei contatti con i Governi, rendendo noti a tutti le richieste che fanno i vari Paesi, i dati utenti e i contenuti rimossi. Nel nuovo post, infatti, Facebook ha dichiarato che nella seconda metà del 2014, sono stati  ben 9.707 i contenuti segnalati dai Governi  per violazione delle leggi locali, in crescita del l’11% rispetto al primo semestre dell'anno. Di questi, l'India ha chiesto la maggior parte dei ‘takedown’, con 5.832, seguita dalla Turchia con 3.624. Sul documento si legge: "Pubblichiamo queste informazioni perché vogliamo che la gente conosca la portata e la natura delle richieste che noi riceviamo dai governi e le politiche che adoperiamo per far fronte a queste richieste".
Licenza Creative Commons
Condizioni d'uso e riproduzione

Miriam Tagini

Università Cattolica. Studente di Linguaggi dei Media. Ritardataria e sognatrice di professione. Determinazione è la mia parole d'ordine. Sono convinta che ognuno di noi, anche se nel proprio piccolo, ha le potenzialità di stravolgere la propria vita e cambiare il mondo. Mi piace essere circondata di parole, con le quali cerco di raccontare la realtà che vivo quotidianamente. Cosa voglio fare da grande? La giornalista, ovvio.

Virtual Exchange Brings Students and Refugees Closer

Can a virtual exchange program bridge the gap developing between the two sides of the Mediterranean? Since 1987, when the Erasmus project started, 9 million people have taken part in it, according...

Brexit: The Countdown Has Begun

The window to agree on an exit deal between Britain and the EU is closing. The United Kingdom is due to leave the European Union on March 29, 2019, but because of the necessary ratification procedu...

Uniting Germany’s Radical Right

hile protests against Islam, migration and asylum seekers serve as a common denominator, there is little coherence in formulating a right-wing “alternative for Germany.” The recent righ...