Ti trovi qui: / / Falling Walls Lab: Ruggero Vigliaturo vince la selezione italiana

Falling Walls Lab: Ruggero Vigliaturo vince la selezione italiana

Porterà il suo progetto di ricerca a Berlino il prossimo 8 novembre e sfiderà gli altri 99 concorrenti da tutto il mondo. L’unica selezione italiana si è conclusa poco fa al Dipartimento di Sociologia e Ricerca sociale dell’Università di Trento. Il contest internazionale era aperto anche a giovani ricercatori e professionisti. Alla finale italiana erano stati ammessi in undici e hanno partecipato in otto. Hanno avuto tre minuti per convincere la giuria del proprio progetto innovativo È Ruggero Vigliaturo il vincitore dell’unica selezione italiana di Falling Walls Lab 2015, che anche quest’anno, per la seconda volta consecutiva, è stata ospitata dall’Ateneo trentino. Il suo progetto è stato selezionato oggi tra gli undici ammessi da una giuria tecnica nel corso dell’iniziativa che si è tenuta nell’aula Kessler del Dipartimento di Sociologia e Ricerca sociale dell’Università di Trento. Vigliaturo potrà così presentare il suo progetto di ricerca a Berlino il prossimo 8 novembre (vigilia del 26° anniversario della caduta del Muro) davanti a un pubblico internazionale, insieme agli altri 99 finalisti provenienti dagli altri Paesi che hanno partecipato al contest. Alla selezione italiana oggi hanno partecipato 8 degli 11 ammessi.  Ruggero Vigliaturo, PhD student in Scienze naturali dell’Università di Torino, ha convinto la giuria con il progetto “Bacterial Nanoindustrial production": una ricerca finalizzata a dimostrare come, attraverso la biomineralogia, sia possibile giungere a una produzione industriale di nanotecnologie, utili per potenziare la microchirurgia e la produzione di microdispositivi. Un’opportunità di visibilità internazionale per menti giovani e brillanti, che ha attirato 22 domande di iscrizione dall’Italia e dall’estero. Per partecipare, i candidati dovevano avere età non superiore a 35 anni, essere studenti di un corso di laurea magistrale o di un master, dottorandi, post-doc di qualsiasi settore disciplinare o anche giovani professionisti, scienziati o imprenditori. “Great mind, 3 minutes, 1 day” (questo il motto dell’iniziativa): per presentare il proprio progetto alla giuria i candidati hanno avuto tre minuti a disposizione. A selezionare i progetti è stata la giuria composta da esponenti del mondo accademico, imprenditoriale e della ricerca, tra cui Nicola Pugno (precedente speaker a Falling Walls di Berlino e referente dell’Università di Trento per l’iniziativa), Federico Della Croce (direttore del Dipartimento di Automatica e Informatica del Politecnico di Torino), Marco Sardina (Director R&D and Open Innovation di Zambon SpA), Sara Spilimbergo (docente dell’Università). https://vimeo.com/111603812
Licenza Creative Commons
Condizioni d'uso e riproduzione

What Modern Science Can Learn from Indigenous Knowledge

The assumption is that what works in wealthy countries can work anywhere. Advancements in the science of building design for earthquake resilience are enabling the development of high-ris...

When Popularity Becomes a Problem on the World’s Summit

Is Mount Everest the ultimate successful branded product, made in Asia, but benefiting from all the political and marketing genius of the imperial West? Once upon a time, Mount Everest throned at t...