Ti trovi qui: / / I 50 anni di Sgt Pepper

I 50 anni di Sgt Pepper

Il 1967 è un anno di svolta e ci troviamo alle porte della “ summer of Love”. 

Viene organizzato oltreoceano il primo grande festival, culla di artisti diventati poi pietre miliari della musica : il “ Monterey Pop Festival”

Nel Regno Unito invece,  i Beatles si trovano ad a un bivio: smettono di fare concerti, sperimentanonuove droghe e si preparano a cambiare il rock & roll per sempre .

Nell’autunno di quell’anno, i Beatles vogliono smettere di essere i Beatles. La fama è diventata una trappola che dà solo problemi. «Eravamo stufidi essere i Beatles», ha detto Paul McCartney. Non eravamo più dei ragazzi, eravamo uomini. Per noi era finita, non ne volevamo più saperne di fan che gridavano, e di tutta quella roba da ragazzini».

 

Il loro ultimo album, Revolver, è il più innovativo che abbiano mai fatto e i Beatles capiscono che il prossimo può essere l’album della svolta o quello della fine. Hanno bisogno di fare un disco che riaffermi la loro grandezza. Il risultato, nato tra la fine del 1966 e i primi mesi del 1967, è l’album più importante nella storia del rock: SgtPepper’sLonely Hearts Club Band. «Avevamo smesso di fare tour, i media dicevano che il momento di pausa era durato troppo a lungo e spargevano voci su di noi: “Hanno perso l’ispirazione!”. Ma noi sapevamo che non era così. Sapevamo quello che stavamo facendo, ed eravamo ben lontani dall’aver perso l’ispirazione. Anzi stava accadendo esattamente l’opposto, stavamo avendo un’enorme esplosione di creatività», ha detto Paul McCartney a Rolling Stone

Che lo volessero o no, Sgt.Pepper diventa istantaneamente il simbolo delle ambizioni, delle paure e dei desideri di un’intera generazione. Da quando i Beatles hanno esordito nel 1963, la cultura giovanile è cambiata in modo radicale. Quella che era cominciata come una rivendicazione di stile e di gusti musicali, con i Beatles al centro, è diventata una visione alternativa del mondo. Il rock degli anni ’60, insieme al movimento per i diritti civili e a quello contro la guerra in Vietnam, e la sperimentazione con la marijuana e l’LSD hanno dato alla nuova generazione un nuovo senso di potere. Le possibilità di resistere al potere e di vivere in modo libero stanno cambiando, è un momento di grande speranza, ma anche pieno di dubbi e di rischio. 

Nessuna opera è riuscita fino ad ora a sintetizzare e simboleggiare questo nuovo spirito, questo fiero senso di comunità, queste idee e questa visione del ruolo che l’arte può avere nella società. Nessuna fino a Sgt. Pepper.

Dopo il tour del 1966 i Beatles si prendono una pausa, per la prima e ultima volta nella loro carriera. Il 24 novembre si ritrovano negli studi della EMI ad Abbey Road. Nei mesi successivi al loro ultimo concerto hanno in effetti pensato di sciogliersi, ma poi si sono lasciati conquistare dalle opportunità creative che lo studio è in grado di offrirgli. 

Veronica Perazzolo

Licenza Creative Commons
Condizioni d'uso e riproduzione

Veronica Perazzolo

Un'artistoide dall'indole nomade . Non amo la caoticità della città, vivrei perennemente a piedi scalzi, con la biografia di qualche veterano della " summer of love" e Neil Young in sottofondo. Non amo calpestare lo stesso suolo troppo a lungo. Filosofa a tempo perso e cantante soul a tempo.. indeterminato. Vivo tra l'Italia e l'Australia da cinque anni, sempre alla ricerca di quelle " Good Vibes" tra concerti, festival e amicizie singolari. Sono sempre più convinta di essere nata nell'epoca sbagliata. Gli anni 70 avrebbero fatto più al caso mio.

Treasures from the Wreck og the Unbelievable: Damien Hirst.

Una mostra strepitosa di uno degli artisti più controversi del momento.

Assenzio e inchiostro di stampa: Henri de Toulouse Lautrec.

In mostra Verona, fino al tre settembre, le locandine e i disegni del maestro della Parigi bohémienne del tardo ottocento.

MASTER in FINANZA&CONTROLLO

32° EDIZIONE 4 NOVEMBRE 2017