Ti trovi qui: / / Il Porto di Parigi compie gli anni

Il Porto di Parigi compie gli anni

Se la Francia è sulla vostra lista dei desideri, allora una delle tappe obbligatorie per questo 2017 è la più grande città della Normandia: Le Havre.
Ebbene sì, segnatelo in agenda, perché potrete godere dei festeggiamenti per il cinquecentenario della città solamente da maggio a novembre di quest’anno.

Le Havre nasce nel 1517 per volere di Francesco I – re di Francia dal 1515 al 1547 – e si amplia sempre più grazie al suo porto. Nel XIX secolo, diventa una delle maggiori città industrializzate proprio grazie all’area portuale che si sviluppa sia per i commerci che per il trasporto dei passeggeri sui grandi transatlantici. Nel 2005 viene, inoltre, premiata dall’UNESCO che inserisce il suo centro città nella lista dei Patrimoni Mondiali. Tale riconoscimento vanta una caratteristica eccezionale: Le Havre è l’unico abitato la cui architettura moderna sia stata inserita in tale lista. Il centro, infatti, risale al Secondo dopo guerra ed è stato costruito dall’architetto Auguste Perret.
Ma ora giungiamo al 2017, anno che celebra il suo cinquecentesimo compleanno in pompa magna. La città, infatti, non ha badato a spese e, dal 27 maggio al 5 novembre, si anima di mostre, spettacoli, concerti e rievocazioni storiche. Il tutto verrà aperto dalla Magnifik Parade: una sfilata di più di duecento personaggi smisurati accompagnati da musica e scenografie.

L’evento “Un’estate a Le Havre 2017” si propone di far scoprire questo magnifico porto oceanico che ha dato dimora e ispirazione a registi, scrittori, pittori, architetti e molti altri.
Per esempio, forse non tutti sanno che è proprio in questa città che nasce l’impressionismo – la corrente artistica ottocentesca che vuole rappresentare l’istante dell’impressione visiva. Claude Monet dipinge il suo “Impression soleil levant” sulle sponde del mare di Le Havre, innamorato della luce offerta dai suoi paesaggi. Sarà proprio dal titolo del quadro che prenderà il nome la corrente appena citata.

Basata sulle esperienze dell’artista è proprio la mostra che si terrà dal 9 settembre all’8 ottobre, non per nulla intitolata “Impression(s) soleil”. L’esposizione celebra i luoghi in cui Impression soleil levant è stato dipinto, ma ospita anche opere di altri artisti di alto calibro come Eugène Boudin e William Turner.
Inoltre, al MuMa – Museo di Arte Moderna André Malraux – potrete immergervi totalmente in una delle migliori raccolte impressioniste. Per di più, per i festeggiamenti di quest’anno, tra il 27 maggio e il 29 agosto, nel museo sarà istallata la mostra “Pierre et Gilles” che consente di avvicinarsi al mondo di questi artisti che si sono dedicati al ritratto ipersofisticato, tra fotografia e dipinto.
Non sarà però necessario recarsi obbligatoriamente a mostre o musei per ammirare le opere d’arte. Durante tutto il periodo di festeggiamento, potrete trovare istallazioni di artisti di tutto il mondo in ogni luogo della città.

Per di più, il cinquecentenario si occupa anche di far rivivere la storia marittima del “porto di Parigi” – soprannome affidato alla città normanna. Come abbiamo visto, Le Havre ha fatto fortuna grazie all’oceano che ha sempre rappresentato un punto centrale per la sua economia e per la sua tradizione. Per questo, dal 31 agosto al 3 settembre, il porto accoglierà l’ultima tappa della regata Tall ships race, un famoso raduno mondiale dei velieri storici più grandi e famosi.
Inoltre, dal 27 ottobre al 5 novembre, sarà possibile avvicinarsi al mondo delle regate grazie ai preparativi per la tredicesima edizione della regata velica transatlantica in doppio Transat  Jacques Vabre, di cui Le Havre è il porto di partenza.

Non tardate a partire, Le Havre vi attende. 

Licenza Creative Commons
Condizioni d'uso e riproduzione

Ladri di libri mai…Affamati di cultura sì! Cosa è successo nella biblioteca di Via Noto?

Che cos'è un libro? La parola stessa corrisponde all'incertezza semantica e molti che hanno preparato l'esame di storia della stampa e dell'editoria lo sanno bene. Libro &egr...

L'enigma della semplicità: Edward Hopper.

Alla scoperta dell'artista statunitense che ha stregato il novecento.

La pace secondo John Lennon

Dalla protesta "bed in" allo slogan "give peace a chance"