Ti trovi qui: / / La città olandese dove regna la felicità

La città olandese dove regna la felicità

Oggi siamo diretti a Groningen (in italiano Groninga): città olandese a due ore di distanza da Amsterdam e a qualche chilometro dal Mare del Nord.
Se siete giovani e non avete voglia di dirigervi nella più conosciuta capitale, questa è la meta che fa per voi. Groningen è, infatti, la più grande città della regione settentrionale, tanto da essere conosciuta come la “metropoli del Nord” e non ha nulla da invidiare alla famosa vicina.
Per di più, la popolazione è particolarmente giovane - con un’età media che si aggira intorno ai 36 anni – anche grazie alla presenza di una delle Università più antiche e rinomate del Paese che ha origine nel lontano 1614.

Atterrando ad Amsterdam e percorrendo in treno le successive due ore e mezza, giungerete in questa cittadina olandese dall’aria profumata e la vita tranquilla.
Nonostante sia un abitato piuttosto ampio, gli edifici – a parte qualche raro palazzo – non superano i due piani di altezza, il che contribuisce a toglierle il carattere di grande metropoli. Groningen è poi ricca di canali, simili a quelli che trovate ad Amsterdam, che collegano le varie zone e abbelliscono la cittadina con ponti e passeggiate sull’acqua.

Inoltre, Groningen è ricca di zone verdi come il Noorderplantsoen o il Prinsentuin. Il primo è un parco molto esteso con piccoli laghi, fontane, sentieri e piste ciclabili dove si possono fare incontri ravvicinati con cigni, anatre e altri animali che vivono in piena libertà e in equilibrio tra uomo e natura.
Il secondo, invece, è il giardino in stile rinascimentale che circonda il palazzo Prinsenhof. Il Prinsentuin ha un’impostazione totalmente diversa dal parco descritto precedentemente ed è decorato da pergolati, roseti e siepi potate magistralmente.

La zona di maggiore attrazione turistica è ovviamente il centro. Quest’area è giovane e fresca con spruzzate di cultura e tradizione.
È qui, infatti, che si trova la Martinikerkhof: la chiesa del XIII secolo a cui è collegata la Torre Martini dalla quale è possibile godere di un magnifico panorama di Groningen e dintorni. La posizione strategica della torre l’ha riconosciuta come punto di riferimento dal quale partire per la costruzione del resto della città che sarebbe stata facilmente difesa dall’alto della struttura. Già che ci siete, attendete fino al suono del carillon della torre: uno dei migliori di tutta Europa.
La chiesa si trova in una delle piazze principali della città: la Grote Markt. Questa ospita anche lo Stadhuis, l’edificio settecentesco che, un tempo, era sede del municipio.

Non molto lontano, troverete anche la Vismarkt, l’altra grande piazza intorno alla quale si dirama la cittadina olandese. È questo il luogo verso cui rivolgersi se ci si vuole dedicare allo shopping: tutt’intorno, infatti, è decorata da negozi e boutique e anche un gran numero di ristoranti, nel caso vi venisse fame dopo gli acquisti. Qui spesso si svolge il mercato all’aperto dove potrete gironzolare tra bancarelle di buona qualità di pesce fresco, frutta, verdura e un’infinità di fiori. Tutti questi prodotti vengono venduti a un modico prezzo, notevolmente inferiore ai supermercati.

Dalla Vismarkt parte la via principale di Groningen: la A-kerkhof. Questa è dedicata a negozi e locali tradizionali. Non ci troverete nemmeno un marchio delle grandi catene di moda, ma solo boutique tipiche, prodotti culinari tradizionali, la farmacia più antica della città (1782) e la prima tabaccheria del Nord (1916). La via è talmente caratteristica e insolita, che nel 2004 ha ricevuto il riconoscimento di “shopping più accogliente”.

La città danese è anche amante dell’arte e della cultura. È sempre nel centro che troviamo il Grand Theatre (nei pressi di Grote Markt) e il Groninger Museum. Il museo del 1894 è dedicato all’arte, alla storia e all’archeologia e vanta una collocazione particolare: si erge su un isolotto che si trova lungo il canale che divide la stazione dal centro cittadino.

Ricordate che vi trovate in una città del Nord, per cui, per godervela appieno, vi consiglio di visitarla a piedi e specialmente in bicicletta, il mezzo più amato dai suoi abitanti (ricordate però che non sono dotate di freni, quindi pedalate all’indietro per fermarvi). Se avete ancora tempo, non perdetevi il tour in barca sui canali.

In conclusione, un grazie speciale alla mia amica Chiara P., senza la quale non avrei potuto raccontare di questa magnifica città.

Licenza Creative Commons
Condizioni d'uso e riproduzione

Il valore aggiunto del volontariato : AIESEC

Il volontariato è un comportamento sociale che nasce da una decisione personale e intima, scaturita dalle emozioni profonde di aiuto verso chi ha bisogno.

Uno Stato fallito e un popolo prigioniero: il Venezuela di Maduro

Crollo del petrolio, una rivoluzione incompiuta e un presidente sempre più potente

Una chiacchierata con David Grossman

l'autore israeliano incanta Chiasso Letteraria con i suoi racconti.