Ti trovi qui: / / La filosofia del NotSorry: come imparare a dire di no

La filosofia del NotSorry: come imparare a dire di no

Più ripeti una parola, più questa perde il proprio significato. E lo stesso vale con le azioni. Vi è mai capitato di perdere di vista il significato della vostra vita sociale, il motivo per cui vi vedete periodicamente con gli amici? Risponderete di no, ma attenti, perché forse non è esattamente così.

Capita spesso di uscire con gli amici solo perché giorni prima abbiamo organizzato un incontro di cui adesso, stanchi e bisognosi di solitudine, faremmo volentieri a meno. Ma non possiamo cancellare, per la paura di deludere chi ha voglia di vederci, perchè potrebbe rimanerci male e non chiederci più di uscire quando saremo noi ad averne voglia. A furia di fare questi ragionamenti, nei periodi più densi di impegni finiamo per segnare in agenda le uscite con gli amici alla stregua degli appuntamenti in banca. E non è a questo scopo che esistono gli amici.

Secondo una recente ricerca, metà di quelli che noi consideriamo essere nostri amici non ci considerano tali. Ecco un altro fattore che dovrebbe ridurre il nostro senso di colpa nel dire di no agli appuntamenti meno invitanti: ne vare davvero la pena? La mia presenza è indispensabile come credo?

La gente si sente così sommersa dalle aspettative degli altri, che le filosofie di vita più diffuse nell’ultimo periodo sono, in tutti i campi, all’insegna del minimalismo: “less is more”, “depura il tuo corpo” “butta via tutto ciò che non ti trasmette gioia”. E' il segnale che sentiamo il bisogno di liberarci. Allora perché non dovremmo fare lo stesso con gli impegni sociali? Il loro scopo è alleggerirci e farci sentire meglio, dunque dedichiamoci ad essi solo se pensiamo che possano essere utili.

Le regole sono: niente maleducazione e irriconoscenza. Non abbandonare gli amici quando ne hanno bisogno né sparire nel nulla senza dare spiegazioni. Semplicemente riflettere e stabilire chi sono le persone con le quali amiamo spendere del tempo, e farlo quando realmente lo vogliamo. E cosa fondamentale: senza sensi di colpa.

Licenza Creative Commons
Condizioni d'uso e riproduzione

Treasures from the Wreck og the Unbelievable: Damien Hirst.

Una mostra strepitosa di uno degli artisti più controversi del momento.

Assenzio e inchiostro di stampa: Henri de Toulouse Lautrec.

In mostra Verona, fino al tre settembre, le locandine e i disegni del maestro della Parigi bohémienne del tardo ottocento.

MASTER in FINANZA&CONTROLLO

32° EDIZIONE 4 NOVEMBRE 2017