Ti trovi qui: / / La sedentarietà uccide come il fumo

La sedentarietà uccide come il fumo

Brutte notizie per chi vive il divano come un’estensione di sé. Pessime novità per gli sfaticati e le sfaticate che si guardano bene dal sudare e fare attività fisica e che scelgono di trascorrere il loro tempo libero ispirandosi ad Homer Simpson. Se pensate che non fumare sia sufficiente per stare alla larga dai problemi di salute, sappiate che la sedentarietà eccessiva non è peggio della sigaretta. Secondo uno studio pubblicato da The Lancet (il primo periodico di medicina Britannico) che dà una fotografia inaspettata quanto allarmante: ogni anno quasi 5,3 milioni di persone nel mondo muoiono per patologie collegabili alla nulla o poca attività fisica. Un numero molto vicino a quello dei decessi annuali attribuibili alle sigarette. Ma non basta: 4 adolescenti su 5 non praticano abbastanza movimento e, con il passare degli anni, le ore dedicate all’attività fisica diminuiscono progressivamente. Sarà anche per questo che il nostro Premier ha annunciato che aumenteranno le ore di educazione fisica nelle scuole? Sicuramente le ore passate a studiare, oltre allo stress da esame, possono contribuire a far accantonare l’attività fisica, rendendo meno attivi anche molti amanti dello sport. Parliamoci chiaro, la scusa della mancanza di tempo, è credibile fino a un certo punto: chiunque pratichi sport può confermare che, volendo il tempo si trova. Possono essere 20 minuti al giorno, o un’ora, che certo non vanno a discapito di libri o lezioni. E ricordate: essere in forma non vuole dire essere magri. Significa che tutto il nostro corpo funzioni al meglio e l'unico modo è quello di utilizzarlo. Come qualsiasi macchina, se non si usa si rovina. La dieta o meglio una corretta alimentazione è fondamentale ma da sola non basta per stare bene.
Licenza Creative Commons
Condizioni d'uso e riproduzione

Digital Transformation in the Hospitality industry - Workshop

"From Keyless to Hotel & Vacation Rentals Automation"

Workshop - Digital transformation in the fashion industry

How to exploit DTC, the new paradigm in the retailing industry