Ti trovi qui: / / Marco Ballotta esempio da seguire, si reinventa attaccante in Prima Categoria dopo una gloriosa carriera come portiere in Serie A

Marco Ballotta esempio da seguire, si reinventa attaccante in Prima Categoria dopo una gloriosa carriera come portiere in Serie A

Il nonno dei portieri. Una persona che non ha mai smesso di stupire anche i più scettici. Semplicemente, Marco Ballotta. Il 23 ottobre del 2005, all’età di 41 anni e 203 giorni, Ballotta fù il giocatore più anziano ad aver mai disputato una partita nella storia della serie A italiana, superando il precedente record di Dino Zoff (41 anni e 76 giorni).

La carriera dell’eterno Ballotta ha inizio già nei primi anni ottanta grazie al Bologna, che lo presta al Casalecchio, prima di cederlo al Modena dove rimase per circa sei anni. Con i canarini ottenne uno dei primi record personali che costellerà la crescita del giovane Ballotta. Nella stagione 1989-1990, annata che si concluse con la promozione del Modena in serie B, Marco stabilì il record per il minor numero di gol subiti in un campionato professionistico italiano (9 gol in 34 incontri disputati).

Parma, Brescia, Reggiana e Inter sono solo alcune delle altre numerevoli formazioni che hanno scelto l’esperto portiere come primo portiere per la propria stagione ma è alla Lazio dove Ballotta riesce a dimostrare tutto il suo valore grazie anche alla notevole esperienza maturata nella sua ventennale carriera da giocatore professionista.

Finita la sua stagione alla Lazio nel 2008, Ballotta, decide di ritirarsi dal grande calcio ma non rinuncia alla sua più grande passione. A novembre dello stesso anno si reinventa attaccante in Prima Categoria con il Calcara Samoggia segnando 24 reti in 37 apparizioni stagionali. Calcara Samoggia, San Cesario e Castelvetro sono le squadre in cui si alternano gli ultimi anni della lunga carriera di Marco Ballotta per cui, il calcio, rappresenta la più grande passione della sua vita mettendoci la stessa passione sia a 25 anni in serie A e sia a 50 anni in Prima Categoria.

Licenza Creative Commons
Condizioni d'uso e riproduzione

Treasures from the Wreck og the Unbelievable: Damien Hirst.

Una mostra strepitosa di uno degli artisti più controversi del momento.

Assenzio e inchiostro di stampa: Henri de Toulouse Lautrec.

In mostra Verona, fino al tre settembre, le locandine e i disegni del maestro della Parigi bohémienne del tardo ottocento.

MASTER in FINANZA&CONTROLLO

32° EDIZIONE 4 NOVEMBRE 2017