Ti trovi qui: / / Milan - Inter 1-1

Milan - Inter 1-1

Diego Lopez: l'intervento nel primo tempo su Icardi mette in dubbio l'eterosessualità di molti milanisti, poi sul gol Mexes apre le gambe (non fate battute zozze) e lui ha un tempo di reazione di due settimane. CAPELLONE. Rami: regna sulla fascia destra come Galeazzi al cenone di Capodanno e azzarda anche qualche giocata di prima. Poi vede Muntari e torna a sgonfiare le ruote della sedia a rotelle di Abbiati. BIRBANTE. Mexes: la fascia da capitano lo rianima e si sente un po' Jack Sparrow ma con una tinta discutibile. Torna a formare le colonne d'Ercole con il compagno di bigiate Zapata, solo che accidentalmente sul gol si dimentica che Obi gioca per l'altra squadra. CHE GUEVARA. Zapata: secondo Bergomi è uno dei difensori più veloci al mondo, secondo noi a questo punto avrebbe dovuto fare atletica. Dosa forfora e ebola per gestire Icardi che però è leggermente spaesato. Guardiamo in tribuna e capiamo perché. SIMPATICO. De Sciglio: vola in Spagna perché l'amore sbocciato con Palacio qua non può avere il lieto fine che ormai tutti sperano. Giocano una partita a sè, se ne sbattono degli altri 20 in campo e si scambiano effusioni e frasi d'amore a distanza. MALGIOGLIO. Muntari-Essien: diga insormontabile in mezzo al campo e impostazione dell'azione precisa e sicura. Poi l'arbitro fischia il calcio d'inizio e non ne azzeccano una. DUE SUPER PIEDIPIATTI. Bonaventura: tantissima corsa come El Shaarawy, se entrambi dovessero pagare il casello ogni volta che attraversano la metà campo, a fine primo tempo sarebbero già in bancarotta. BOOSTER. El Shaarawy: forse ha visto il suo parrucchiere in tribuna. Forse pensava che l'ultimo che prendeva la traversa giocava in porta. O forse Muntari aveva scavato una zolla per nascondere i denti di Dodò. Però corre per 3, che per l'esattezza sono Essien, Muntari e Torres. CECCHINO. Menez: se guardate le statistiche della partita troverete "Possesso palla: Inter 55% Menez 45%". Al momento dell'ultimo suo passaggio Abbiati aveva ancora i capelli, ma il gol è da vero poeta del rettangolo verde. ALTRUISTA. Torres: tanto lavoro sporco, ma purtroppo per lui non fa lo spazzino di mestiere. Gli arrivano in media uno-due palloni a partita ma il problema è generale di tutta la squadra. Qualcuno tenga occupato Berlusconi da venerdì a domenica prossima cosi lo sotterriamo e facciamo credere al presidente che Torres non sia mai esistito. RACCOMANDATO. Poli: ciabatta che va più piano di Essien e si dispera pure quando dopo 8 deviazioni la palla non entra. EROE.
Licenza Creative Commons
Condizioni d'uso e riproduzione

Digital Transformation in the Hospitality industry - Workshop

"From Keyless to Hotel & Vacation Rentals Automation"

Workshop - Digital transformation in the fashion industry

How to exploit DTC, the new paradigm in the retailing industry