Ti trovi qui: / / Nomi illustri per strade e piazze: quanti sono femminili?

Nomi illustri per strade e piazze: quanti sono femminili?

Quante strade o piazze dedicate alle donne ci sono nella vostra città? La toponomastica al femminile è un elemento misterioso per la maggior parte della gente. Maria Pia Ercolini, insegnante di una scuola superiore di Roma, ha pensato di monitorarle, dopo essersi trovata in imbarazzo di fronte a una domanda di un’allieva. Con gli occhi verso l’alto su quelle lapidi di marmo bianco agli angoli delle strade ha notato che c’erano prevalentemente nomi di uomini: pittori, scrittori, giornalisti, politici, giudici e capi di Stato.

Come invertire rotta? Una domanda spontanea quella che ha iniziato a risuonare nella testa della professoressa, la quale si è subito data da fare. Puntando prima sul web ha aperto una pagina dedicata che si chiama “Toponomastica femminile” e oggi conta quasi novemila followers. Comune per comune ha parlato con i/le sindaci in cerca di dati e oggi sul sito www.toponomasticafemminile.com è possibile vedere quante strade o piazze sono dedicate alle donne. A Roma ad esempio sono 637 su oltre 16mila, a Milano sono 135 su 4200, a Firenze 70 su 2000. E sono stati monitorati anche i comuni più piccoli. Insomma chi ha voglia di curiosare può ben divertirsi.

Maria Pia Ercolini ha capito si l’importanza dei social, ma è cosciente che il cambiamento deve essere prima di tutto culturale. Ha così ideato la campagna 8 Marzo 3 donne 3 strade, ovvero in occasione della festa della donna i sindaci sono invitati ad intitolare tre strade ad altrettante donne, una di rilevanza locale, una nazionale e una straniera. E dal 2013 ha lanciato il concorso ‘Sulle vie della parità’, patrocinato dal Senato (cerimonia il prossimo 28 aprile a Roma al Ministero dell’Istruzione), in cui s’invitano scuole, biblioteche e associazioni a elaborare ricerche su donne che meritano attenzione e a dedicar loro una strada, un’aula, uno spazio pubblico.

Licenza Creative Commons
Condizioni d'uso e riproduzione

Cecilia Pizza

Università degli studi di Milano - Studentessa fuori sede di Comunicazione e società. Vivo la mia vita tra università, scout, amici e famiglia. Il mio weekend perfetto non può che essere tra le montagne. Una bella passeggiata, i calzettoni, le suole degli scarponi consumate, una canzone suonata con la chitarra nel bosco, scatolette di tonno e mais e un bel libro da leggere all'ombra di un albero. Tornare a casa , prendere carta e penna e mettere tutto nero su bianco. Ma se mi proponeste una giornata di relax alle terme non pensate che rifiuterei.

Nouvelles de France

German Chancellor Angela Merkel already faces complex coalition negotiations with at least three other parties. Now French President Emmanuel Macron wants in on the act. Macron and Merkel on Au...

JOB&ORIENTA, LA FIERA PER TROVARE LA PROPRIA ROTTA

COS’E’? La mostra convegno - giunta alla XXVII edizione - si presenta quest’anno con tantissime progettualità dedicate a giovani e docenti e un’attenzione crescente v...

Tra sacro e purissimo: Salvador Dalì.

Una mostra interessante a Gavirate (VA) di un nuovo Dalì, un Dalì dantesco e religioso.