Ti trovi qui: / / Perché la nullafacenza non è una perdita di tempo

Perché la nullafacenza non è una perdita di tempo

Se siete alla perenne ricerca di un modo per essere più produttivi ed esenti da distrazioni, allora fermatevi un attimo e rilassatevi, perché quello di cui avete bisogno è proprio quello da cui fuggite.

Viviamo in una società che ci impone ritmi frenetici, ci chiede sempre di lavorare di più e meglio, e ci porta a sentirci in colpa ogni volta che usciamo dai piani ferrei che ci siamo imposti per restare al passo con i mille impegni. Ma cosa succede andando avanti così? Si scopre che, quando si sono svolti tutti i doveri della lunga lista della giornata, ne compaiono altri: quando si finisce di lavorare si pensa che sarebbe il caso di fare un po’ di sport, quando si ha una giornata libera si decide di fare il bucato o mettere a posto la casa. E il ciclo non finisce più.

La verità è che ci sentiamo perennemente rincorsi dalle “cose da fare”. Ma per quanto vogliamo essere il più produttivi possibili, fissarsi degli obbiettivi rigidi porta paradossalmente a non riuscire a raggiungerli, e la frustrazione è dietro l’angolo. Se vi imponete di studiare dalle 9 del mattino alle 9 di sera, è probabile che passerete gran parte del tempo a distrarvi, senza riuscire a portare a termine quello che dovevate fare.

Qual è la soluzione? La propone un libro di Alex Soojung-Kim Pan, intitolato “REST: Why You Get More Done When You Work Less”. E proprio qui sta la chiave di tutto. Pensate che sacrificando la pausa pranzo per mangiare un panino davanti al computer vi farà lavorare di più? O che chiudendovi una settimana dentro casa per studiare vi farà concentrare di più? Di regola è esattamente l’opposto: sono le pause vere, godute e consapevoli che ci fanno lavorare meglio. Mentre auto infliggersi sacrifici e orari impossibili, oltre a non servire a nulla, ci rende anche infelici.

Ora, una volta capito il concetto, la pratica è la cosa più difficile, perché bisogna eliminare la convinzione che la nullafacenza sia un male per la produttività. Ovviamente, se riuscite ad eludere i vostri doveri senza sensi di colpa, allora forse lo è. Ma se ritenete che, quando avete tanto da fare, passare un’ora a guardare la televisione sia qualcosa di inconcepibile, è arrivato il momento di ricredervi. Il divano vi aspetta.

Licenza Creative Commons
Condizioni d'uso e riproduzione

Nouvelles de France

German Chancellor Angela Merkel already faces complex coalition negotiations with at least three other parties. Now French President Emmanuel Macron wants in on the act. Macron and Merkel on Au...

JOB&ORIENTA, LA FIERA PER TROVARE LA PROPRIA ROTTA

COS’E’? La mostra convegno - giunta alla XXVII edizione - si presenta quest’anno con tantissime progettualità dedicate a giovani e docenti e un’attenzione crescente v...

Tra sacro e purissimo: Salvador Dalì.

Una mostra interessante a Gavirate (VA) di un nuovo Dalì, un Dalì dantesco e religioso.