Ti trovi qui: / / Quanto costano le emozioni?

Quanto costano le emozioni?

Ci sono persone che odiano uscire a fare acquisti, altre che passerebbero le giornate in giro per negozi. Qualcuno pensa di possedere già tutto ciò di cui ha bisogno e vede ogni altra compera come uno spreco. C’è poi chi non riesce così tanto a fare a meno dello shopping da sperperare lo stipendio del coniuge e finire in tribunale. Insomma, ognuno ha un rapporto personale con gli acquisti e con quello che rappresentano.

Perché il gesto di “comprare” ha un significato molto più profondo di quello che normalmente consideriamo, ed è strettamente connesso alle emozioni. È infatti su questo che si basano la maggior parte delle pubblicità e le strategie di marketing: quale emozione vuoi che venga associata al prodotto? Quelli della QVC, retailer multimediale di shopping, lo sanno bene, e hanno appena creato un Osservatorio specializzato nella ricerca e nello studio del comportamento dei consumatori. Ogni acquisto viene fatto per esprimere un’emozione. Ma quali sono le emozioni che costano di più?

Per suscitare euforia, la spesa media pro capite è di 222 euro all’anno. Si tratta dell’emozione più cara, mentre quella che costa di meno è la tenerezza (solo 125 euro). L’amicizia costa poco, mai più di 50 euro. E per i sentimenti d’amore? Le donne si comportano in modo diverso dagli uomini: è questo il settore in cui hanno fatto più tagli. Nel giro di sei anni, la loro spesa per dire “ti amo” si è dimezzata, arrivando a circa 80 euro. Per gli uomini rimane il doppio. La spesa media per la proposta di matrimonio è la più alta in assoluto: 450 euro.

Sapete in quale regione si spende di più per le emozioni? In Sicilia, con una media di 277 euro pro capite. Anche la Campania è particolarmente generosa, mentre il Veneto si piazza all’ultimo posto della classifica.

L’economia delle emozioni risente della crisi: nel 2014 c’è stato un grosso calo degli acquisti emotivi, che successivamente è stato superato. Ma la cosa più importante che questo studio ci dimostra è che spesso abbiamo bisogno di qualcosa di materiale che ci aiuti ad esprimere i nostri sentimenti, quando le parole e i gesti non ci sembrano abbastanza. Ecco perché quello che compriamo ha un valore più profondo di quello che comunemente gli diamo. Ecco perché, quando si tratta di sentimenti, è meglio non badare a spese.

Licenza Creative Commons
Condizioni d'uso e riproduzione

The Daily Dictionary: “Culture,” Cambridge Analytica and Steve Bannon

The culture of politics has nothing to do with the politics of culture. In The Observer’s earthquake scoop concerning the scandalous activities of Cambridge Analytica, whistleblower...

The Daily Devil’s Dictionary: Gates Foundation and “Equity”

The Gates have pulled off a kind of optical illusion by using equity to advance social equity (fairness) in a way that is, by their own admission, not “fair.” Bill and Melinda Gates hav...

Why Remittances from the Middle East Matter to India

With remittances from the Middle East in decline, India may face problems in the domestic labor market. India remains the world’s leading recipient of international personal remittances, clai...