Ti trovi qui: / / Sapienza: Porte Aperte 2015, riduzioni delle tasse e novità sui corsi

Sapienza: Porte Aperte 2015, riduzioni delle tasse e novità sui corsi

Porte Aperte 2015: riduzioni delle tasse e novità sui corsi, ma anche spettacolo, sport e impegno sociale nella tre giorni dedicata alle future matricole

Dal lunedì 6 a mercoledì 8 luglio la Sapienza si presenta alle future matricole nella tre giorni di “Porte Aperte”, con novità importanti in materia di tasse e servizi. In questa XIX edizione, negli stand e negli infopoint disposti lungo i vialetti alberati del campus, i giovani incontreranno i docenti e riceveranno informazioni sull'università e su come accedere ai corsi. Per ciascuna area di studio sono previste conferenze nell'Aula magna del Rettorato, trasmesse via web in videostreaming, per approfondire i contenuti della didattica e gli sbocchi professionali che si offrono ai laureati. I numeri di quest'anno per l'offerta formativa sono 270 corsi di laurea e laurea magistrale, oltre 70 corsi di dottorato, 251 master di primo e secondo livello e più di 50 corsi di formazione e alta formazione, oltre 100 corsi di specializzazione.

Tra le principali novità, la decisione presa dal Consiglio di Amministrazione nella seduta di ieri, 2 luglio, di ridurre del 20% le tasse di iscrizione per gli studenti con un valore Isee fino a 20.000 euro: un provvedimento che riguarda un terzo degli iscritti e che entrerà in vigore già dall’anno accademico 2015-2016 che sta per cominciare, pensato a tutela soprattutto degli studenti che per motivi economici possono incontrare maggiori difficoltà nel loro percorso universitario.

“Studiare è un’opportunità, un gesto di rispetto verso sé stessi e la propria comunità, ma soprattutto un diritto, che Sapienza si impegna a tutelare, cercando di migliorare i servizi esistenti e di offrirne sempre nuovi" sottolinea il Rettore Eugenio Gaudio "Nell’Italia della crisi economica, il diritto allo studio passa attraverso la riduzione delle tasse appena varato, e anche attraverso il sostegno concreto alle giovani intelligenze”.

Tra i nuovi corsi attivati spicca “Data Science”, il primo corso in Italia dedicato espressamente alla formazione della nuova figura professionale del “data scientist”, affacciatasi sul mercato del lavoro negli ultimi anni, un informatico esperto di analisi dei dati in grado di operare nel mondo dei Big Data e degli Open Data. Novità anche nel campo del cibo, con la laurea magistrale in “Scienze e tecnologie per la qualità e la valorizzazione dei prodotti agroalimentari” che prepara professionisti nel settore della ricerca nel settore agro-alimentare, con competenze di tipo economico-gestionale utili a individuare e sostenere la valorizzazione dei prodotti.

Quest’anno i ragazzi potranno raggiungere la Sapienza e orientarsi anche “fisicamente” negli spazi dell’università più grande di Europa, in modo facile e intuitivo con il nuovo Virtual Tour (www.virtualtour.uniroma1.it), una Web App che segnala i percorsi per raggiungere aule, dipartimenti e servizi nel campus e memorizza i punti di interesse.

Tanti i servizi e i percorsi - non solo strettamente didattici - offerti dalla Sapienza, che saranno illustrati e “sperimentati” dai visitatori: a partire dai musei, alcuni aperti fino a tardi martedì, e dalla rete di biblioteche, che da questa primavera offre due sale di lettura aperte h24; dallo sport che può essere praticato dagli studenti a costi simbolici nelle strutture del Cus, con piscina, tennis, rugby, atletica e molto altro, di cui si avrà un assaggio con ping pong e minitorneo di calcetto vicino all’edificio di Statistica; ma anche musica e teatro, con i due progetti MuSa e Theatron, che vedono coinvolti insieme studenti, docenti e impiegati nella realizzazione di concerti e spettacoli: di fronte al Museo di Arte classica si potrà sentire la musica delle diverse formazioni MuSa (quella classica, jazz, etno e cori) e partecipare a session improvvisate, mentre nel cortile di Matematica si potrà assistere alle prove generali e poi al debutto de “Troiane” di Euripide.

Licenza Creative Commons
Condizioni d'uso e riproduzione

Treasures from the Wreck og the Unbelievable: Damien Hirst.

Una mostra strepitosa di uno degli artisti più controversi del momento.

Assenzio e inchiostro di stampa: Henri de Toulouse Lautrec.

In mostra Verona, fino al tre settembre, le locandine e i disegni del maestro della Parigi bohémienne del tardo ottocento.

MASTER in FINANZA&CONTROLLO

32° EDIZIONE 4 NOVEMBRE 2017