Ti trovi qui: / / Solidarietà universitaria per gli studenti colpiti dal sisma

Solidarietà universitaria per gli studenti colpiti dal sisma

"Non vi lasceremo soli". Anche gli atenei universitari si uniscono alla solenne  promessa pronunciata dal presidente Sergio Mattarella e dai maggiori Capi di Stato a chi ha perso tutto durante il sisma del 24 agosto.

Aiuti immediati ed esenzioni sono stati infatti immediatamente approvati per gli studenti provenienti dalle zone maggiormente colpite dal sisma dell'Italia centrale. Anche l'università si unisce così a quella parte di Italia che in queste settimane ha dato prova di enorme solidarietà portando aiuti immediati durante la prima fase di emergenza ed in seguito nella promozione di raccolte di beni di prima necessità.

Tra le 300 vittime che sono coinvolte dal sisma, l'Italia ha pianto nelle ultime settimane anche due studenti universitari provenienti dalle zone colpite: Filippo Sanna, un ragazzo di 23 anni iscritto al corso di laurea in ingegneria industriale e Morena Ciancaglioni, studentessa iscritta al corso di laurea magistrale in Ingegneria Edile- Architettura. 

In data 5 settembre il Comitato delle Università Lombarde ha dunque approvato l’esonero totale dal pagamento di tasse e contributi per i residenti nei Comuni più colpiti dal sisma. Dopo la decisione del Comitato delle Università Lombarde, anche la CRUI (Conferenza dei Rettori Italiani) ha invitato le Università italiane a esonerare dal pagamento delle tasse e dei contributi gli studenti residenti nei Comuni più colpiti dal terremoto in Centro Italia. 

Questo decreto coinvolge dunque tutti gli studenti che provengono dai seguenti comuni: Acquasanta Terme, Arquata del Tronto, Montegallo e S. Montemonaco - per la provincia di Ascoli Piceno - e Montefortino - per la provincia di Fermo. Montereale, Capitignano e Campotosto - per la provincia dell’Aquila - e Valle Castellana e Rocca Santa Maria - per la provincia di Teramo. Accumoli, Amatrice e Cittareale - per la provincia di Rieti. Cascia, Monteleone di Spoleto, Norcia e Preci - per la provincia di Perugia.

Anche l'università Statale approva così il piano di aiuti e solidarietà per gli studenti delle zone colpite: come si può leggere dalla pagina ufficiale dell'università, l'esonero riguarda sia le matricole sia gli studenti che risultano già iscritti ai corsi di studio dell’Università Statale di Milano per l’anno accademico 2016-2017. 

Per l'iscrizione viene richiesto il solo versamento di 166 euro (pari a 140 euro di tassa regionale e 26 euro di rimborso spese). 

La richiesta va inoltrata entro il termine per l'iscrizione all'a.a. 2016-2017, tramite il Servizio Infostudente, allegando la documentazione indicata nelle pagine dedicate del portale d'Ateneo

Anche altri atenei approvano queste misure di solidarietà coinvolgendo in primis le università di Roma e Bologna. Sono infatti molti gli studenti provenienti da questa fascia territoriale: ben 179 ragazzi iscritti alle università del Lazio per i quali non saranno previste alcun tipo di tasse. Gli atenei dell'università Sapienza ne ospita 49, Tor Vergata ne ha 35, Roma Tre ne ha 15 e Viterbo 80. Questi atenei hanno decretato l'esenzione dai tributi e che verrà formalizzata nel primo Senato Accademico. 

Gli studenti universitari dell'Alma Mater di Bologna colpiti dal terremoto del Centro Italia potranno anch'essi godere dell'esenzione totale delle tasse universitarie per l'anno accademico 2016/17. 

Sono state raccolte preghiere, frasi di cordoglio da tutto il mondo e nel mondo virtuale si è diffuso nei giorni immediatamente successivi alla tragedia l'hastag "PrayforItaly". 

Questo terremoto ha prodotto una forte scissione come spesso accade durante le tragedie: da una parte questo sisma ha fatto nascere bufere e critiche di misera propaganda fine a se stessa. Un triste "sciacallaggio" purtroppo ormai noto e conosciuto nel nostro presente; dall'altra si è vista in forma viva e presente la parte nobile del paese che ha coinvolto migliaia di volontari nell'estrazione dei corpi e nella ricostruzione dei luoghi distrutti dalle scosse. 

Rimangono in noi le frasi sentite di un volontario dedicate ad una bambina che non ha fatto in tempo a salvare e di un'anziana che vorrebbe offrire i tortellini appena cucinati ai volontari perché non ha altri mezzi per aiutare. 

Si tratta di una parte di paese che ha immediatamente donato ciò che si richiedeva senza pensarci due volte e che coinvolge anche gli atenei ed i suoi studenti. L'università si schiera da questa nobile e meravigliosa parte del paese.

Licenza Creative Commons
Condizioni d'uso e riproduzione

Greta Joyce Fossati

Università degli Studi di Milano - In formazione. Studio Beni Culturali alla Statale. Ex backpacker adottata dall'Australia per un anno. Sono vegetariana e curo due bimbi bellissimi. Scrivo della mia realtà universitaria, di arte, drammaturgie partigiane e dialoghi tra antichi filosofi e bambini nei nostri mari odierni.

Wings4students ti mette le ali

Impara l'inglese vincendo

An Exemplar of Motherhood: Sister Nivedita

“England has sent us another gift in Miss Margaret Noble” said the great Swami Vivekananda in his speech he introduced a lady of Scottish-Irish descent by birth and an Indian by choice, li...

Donald Trump: Our UnFounding Father

Donald Trump isn’t an aberration. He’s the zeitgeist. Don’t look away. I mean it! Keep on staring just like you’ve been doing, just like we’ve all been doing since&nbs...