Ti trovi qui: / / Top e Flop di Juventus - Napoli 3-1

Top e Flop di Juventus - Napoli 3-1

JUVENTUS

Buffon: si era giocato under 0,5 e quando vede che nessuno dei suoi difensori va sulla ribattuta del rigore, prende a testate Barzagli e lega le scarpe di Bonucci al palo per rubargli il CD di Gigi D'Alessio che aveva nei calzettoni. DITTATORE.

Asamoah: pure l'album panini si era dimenticato di lui, ma dall'altra parte c'è Padoin e onestamente fare belle figure non è difficile. Sforna cross con la stessa costanza dei passaggi di Menez. EGOISTA.

Pogba: non è ancora il Pogba che conosciamo ma qualche sgroppata che stacca la dentiera a Goulham la fa ancora. Per il resto ordinaria amministrazione, anche perché questa sera sarebbero più temibili due corteggiatori di Uomini e Donne rispetto a Gargano e David Lopez. RODAGGIO.

Sturaro: dopo il miracolo con il Real Madrid è galvanizzato e realizza un gol da cineteca, azzecca il tempo degli inserimenti e ha tempo pure per aiutare Bonucci a superare il quarto livello di Candy Crush saga. TUTTOFARE.

Morata: rischia di uscire dal campo con il naso al posto delle orecchie perché Britos dice di volergli schiacciare un brufolo con una testata. Provoca anche un rigore ma con Padoin in campo non lo guarda nessuno. DESOLATO.

NAPOLI

Britos: la difesa partenopea ha qualche leggero problema di coordinamento e lui giustamente aiuta Pereyra sul gol dell'1-0. Coman lo ipnotizza e lo convince di essere un sopravvissuto alla guerra in Vietnam e per questo deve abbattere Morata, suo nemico in trincea. EROE NAZIONALE.

Maggio: non è il peggiore anche se le prova tutte per esserlo, la discesa sul fondo e il cross ormai non appartengono più alla sua natura di uomo. Prova qualche sovrapposizione ma quando è a metà campo, il mento è già in fuorigioco. AFFONDATO.

Gargano: qualità, tecnica e leadership. Tutte virtù che non appartengono al buon Walter e trovarsi di fianco David Lopez non dev'essere stato esattamente quello che aveva scritto nella letterina a babbo Natale. CONDOTTIERO MANCATO.

Insigne: questa sera non riuscirebbe a saltare neanche Benitez dopo il cenone di Capodanno ma per farlo contento, dopo minaccia armata, i compagni gli lasciano tirare il rigore. Regalo meno apprezzato del parrucchiere di Paletta. CECCHINO.

Higuain: ormai non sa più neanche lui la sua vera identità, Barzagli e Ogbonna lo seguono anche al McDrive e quando vede gli occhi da alcolizzato di Gabbiadini capisce che è ora di farla finita e si attacca anche lui al Branca Menta. SFIDUCIATO.

Licenza Creative Commons
Condizioni d'uso e riproduzione

Digital Transformation in the Hospitality industry - Workshop

"From Keyless to Hotel & Vacation Rentals Automation"

Workshop - Digital transformation in the fashion industry

How to exploit DTC, the new paradigm in the retailing industry