Ti trovi qui: / / Top e Flop di Napoli-Milan 3-0

Top e Flop di Napoli-Milan 3-0

NAPOLI

Andujar: dopo mezz'ora mette in campo uno spaventapasseri al suo posto perché "Il segreto" questa sera su Canale 5 era davvero imperdibile. Ma un portiere con il 45 sulla schiena dovrebbe essere dichiarato incostituzionale da almeno 18 stati appartenenti all'ONU. RIBELLE.

Raul Albiol: nella sua barba è nascosto l'arrosto per Benitez a fine primo tempo, ogni tanto vede maglie rossonere in lontanza ma in 90 minuti è meno impegnato dell'architetto del padiglione di San Marino all'Expo. AFFATICATO.

Jorginho: dagli spalti arrivano in campo due motorini e una lavastoviglie al quarto passaggio sbagliato di fila, quando Inler ha scoperto di essere stato messo dietro a lui nelle gerarchie ha rapito i fratelli Vanzina per impedire altri cinepanettoni a De Laurentiis. STIMATO.

Insigne: prova ad accendere la luce ma nel primo tempo qualcuno non ha pagato la bolletta. Nella ripresa poi si scatena e onestamente, avere Poli come avversario è come mettere Sgarbi relatore di un corso di autocontrollo. TI PIACE VINCERE FACILE.

Gabbiadini: in 20 minuti tocca più palloni di Destro, Honda e Pazzini messi insieme, provoca un potenziale rigore e fa il velo per il gol di Higuain. È talmente alcolizzato che non esulta dopo aver segnato un gol di tacco al volo, seppur a porta vuota. LEADER.

MILAN

Diego Lopez: il Real Madrid è in semifinale di Champions e lui deve giocare con Paletta e Bocchetti. Davvero non riusciamo a immaginare quali metodi abbia usato Galliani per convincerlo, ma soprattutto, non ci teniamo minimamente a saperli. SANTONE.

De Sciglio: forse la sua ragazza era a casa da sola. Forse aveva lasciato il triciclo in doppia fila. O forse ad Alex puzzava troppo l'alito. Qualcuno televoti e dia una spiegazione a quella scivolata. CHISSÀ.

Bocchetti: il giorno che stopperà una palla, forse l'italicum diventerà legge. Callejon gioca bendato per un'ora per non farlo sfigurare ma il buon Salvatore riesce quasi nell'impresa di far rimpiangere Bonera. No forse adesso stiamo esagerando. E LO CHIAMANO MERCATO DI RIPARAZIONE.

Bonaventura: è l'unico che prova a fare qualcosa, stava per segnare ma Honda da dietro lo sbilancia per qualche regola orientale e l'ex bergamasco scheggia solo il palo esterno. Corre per 71 minuti ma se il sostegno è Van Ginkel, meglio prendere sù due euro con i CD tarocchi di Grignani in piazza del plebiscito. TEMERARIO.

Destro: in confronto a lui, Robinson Crusoe era un tipo di compagnia. Viene abbandonato contro la difesa partenopea ma da quando non ha più la barba non fa più paura neanche a Felicioli. Quando vede che deve entrare Pazzini al suo posto chiama l'assistente sociale. LOST.

Licenza Creative Commons
Condizioni d'uso e riproduzione

Digital Transformation in the Hospitality industry - Workshop

"From Keyless to Hotel & Vacation Rentals Automation"

Workshop - Digital transformation in the fashion industry

How to exploit DTC, the new paradigm in the retailing industry