Ti trovi qui: / / Top e Flop di Verona-Napoli 2-0

Top e Flop di Verona-Napoli 2-0

Tutti fuori dagli spogliatoi!

VERONA

G. Rodriguez: dopo il salvataggio su Zapata nel primo tempo, la città vuole farlo sindaco ma lui vive sotto falsa identità dopo una rissa fuori da un bar con Benitez per assicurarsi l'ultima pizzetta dell'happy hour. Per il resto partita quasi perfetta sia su Zapata che su Higuain. MINISTRO DELLA DIFESA.

Sala: giovane ma sempre sicuro e affidabile in un ruolo non suo. Ghoulam per fermarlo cerca di spiegargli che con Fastweb ha internet e telefono a soli 20 euro al mese, ma nel frattempo Juanito ne approfitta e lancia Toni per l'1-0. ASTUTO.

Halfredsson: sull'azione pazzesca del secondo gol sfrutta la pelata aerodinamica e sorprende Mesto in velocità. In mezzo al campo crea una nazione totalitarista e nessuno ha il coraggio di varcarla. TENEBROSO.

Juanito: folletto instancabile, difende e attacca senza sosta. Il guardalinee per seguirlo gli lancia un guinzaglio ma per errore prende in testa Hamsik che si risveglia dalla botta pensando di essere Roby Facchinetti dei Pooh. MOTORINO.

Toni: immortale. Manda al bar la difesa del Napoli quasi da solo, a 37 anni e un po' di forfora di Britos, riesce ancora a stupire ed essere decisivo. Raul Albiol oggi sarà in trasmissione da Barbara D'Urso per raccontare la sua serata. GIGANTE BUONO.

NAPOLI

Mesto: questa sera lo supererebbe anche Benitez in velocità, perde ogni pallone che gli arriva e non è chiaro il motivo per cui si trovi su un campo da calcio. È talmente lento che anche lo speaker dello stadio lo supera e il museo delle cere lo aspetta con il tappeto rosso. STAGIONATO.

David Lopez: passa ad Halfredsson la palla per il 2-0 e si sente più spaesato di Berlusconi in un tribunale. La sua rapidità di pensiero è al livello 3.8 della scala Muntari e affidargli le chiavi del centrocampo non è di certo un'idea che entrerà nella storia delle buone idee. UOMINI SOLI.

Mertens: va a intermittenza ma il poco che crea il Napoli nasce da lui. Quando si gira cercando qualcuno a cui passare la palla e vede De Guzman, finge di essere un turista in visita all'Arena e abbadonda il campo. SFORTUNATO.

Zapata: Rodriguez e Moras gli mettono l'antitaccheggio sulla fronte e piuttosto che farlo girare si guardano tutti i cinepanettoni di De Laurentiis. Detto questo, Rocco Siffredi a Playa desnuda è meno isolato di lui. MALINCONICO.

Hamsik: elogiato contro l'Inter, crolla subito la settimana dopo. Risente anche lui della dieta di Benitez a base di peperonata e anduja ed entra in campo più appesantito di Galeazzi al cenone di Capodanno. Gabbiadini in meno di dieci minuti fa più di lui in tutta la partita. ABBIOCCO.

Licenza Creative Commons
Condizioni d'uso e riproduzione

Digital Transformation in the Hospitality industry - Workshop

"From Keyless to Hotel & Vacation Rentals Automation"

Workshop - Digital transformation in the fashion industry

How to exploit DTC, the new paradigm in the retailing industry