Ti trovi qui: / / Tupac Shakur non è solo una faccia su una t-shirt

Tupac Shakur non è solo una faccia su una t-shirt

Icona della subcultura Hip Hop afroamericana degli anni '90 e massimo punto di riferimento per l'attivismo sociopolitico della Black America di quel periodo, Tupac Shakur moriva 21 anni fa trasformandosi in quello stesso istante da uomo a mito.

Il recente anniversario della sua morte ha riportato all'attenzione l'immagine del rapper di Okland, protagonista di un recente film che poco gli rende giustizia.

Ed è questo il punto: quando si parla della vita di Tupac, un'altalena incredibile di alti (altissimi) e bassi (bassissimi), si rischia di perdere per strada il senso e l'impatto che la sua musica ha avuto nel periodo storico in cui è stata raccontata.

Tupak Shakur ha saputo "rappare" in maniera inconfondibile il panorama sociale dell'america post reganiana: dalle condizioni del ghetto, al razzismo, dalla corruzione di istituzioni e forze dell'ordine alla disoccupazione, fino alle guerre tra gang che lo porteranno inoltre, ad una violenta e prematura morte innescando un naturale processo di mitizzazione della sua immagine che lo ha reso oggi (molto di più) di una faccia su una t-shirt.

 

Il successo

Tupac muove i suoi primi passi nel mondo dello spettacolo come secondo ballerino dei Digital Underground, gruppo hip hop emergente nato dalla scena di Okland. Lo stile alternativo della band che si dissocia dall'hardcore hip hop del periodo prende facilmente voce nei vicoli della costa est della baia di SanFrancisco.

Il suo talento è evidente al punto che da semplice ballerino Tupac diventa membro attivo del gruppo, fino a quando L'Interscope Records il12 novembre 1991 pubblica il suo primo album da solista: 2pacalypsenow destinato a vincere il disco d'oro.

La sua capacità naturale è l'abilità di intrecciare prosa e musica in una forma di espressione che veicola messaggi di disagio sociale. Lo scenario sociopolitico di quegli anni è particolarmente caotico per la popolazione nera: a Los Angeles il pestaggio del tasssita afroamericano Rodney King da parte di quattro poliziotti sta gettando le basi per quella che verrà ricordata nella storia come Los Angeles Riots, violentissima somossa a sfondo raziale del 1992 che conta 54 morti, 2000 feriti e 1 miliardo di dollari di danni per la città. Tupac racconta queste tensioni sociali con voce arrabbiata e catalizzatrice di cattivi sentimenti. Nei suoi pezzi invia messaggi di resilienza che si fanno manifesto dell'orgoglio culturale della popolazione nera. Il rapper contesta il sistema, lo analizza, lo critica, lo disprezza. Inevitabilmente scoppiano le polemiche: viene accusato di radicalizzare l'odio raziale, i suoi dischi vengono inclusi tra quelli da marchiare con il bollino "Parental Advisory" e il genere viene etichettato come gangsta rap, termine inventato dai media nell'irrefrenabile desiderio di dare un nome a qualcosa che non sanno definire.

Ma questo è solo l'inizio. Gli anni a seguire lo vedranno protagonista di intuizioni geniali che lo renderanno maestro nella comunicazione e nello showbusiness. Sara' in grado di elevare l' hip hop da semplice sottocultura preporagtiva della minoranza afroamericana, a movimento culturale riconosciuto in tutto il mondo ed in grado di adattarsi alle trasformazioni sociali.

 

Est Coast Vs West Coast

L'hip hop nasce a New York, più precisamente nei vicoli fatiscenti del quartiere del Bronx durante seconda metà delgi anni '70; per un terzo jazz, per un terzo funky, e per un terzo blues ha saputo mescolare elementi tipici della musica afroamericana, arrichendola di riferimenti latinos. Ma è negli anni 90 che la muscia hiphop fa il salto di qualità uscendo dal ghetto e diventando fenomeno commerciale e sociale. L' Est Coast ne resta infatti la capitale indiscussa fino a quando il celebre rapper Dr. Dre fonda in California la Death Row Records. La giovane etichetta discografica arriva alla svolta grazie anche all'amicizia e alla collaborazione con rapper come SnoopDog e 2pac appunto, che la faranno diventare la label più importante nel mondo del rap. La guerra alla vetta delle classifiche è da combattere con gli East-rapper della BadBoysRecords, capeggiati da Puff Daddy e Notorius B.I.G, personaggio centrale per la vita di Tupac. I due, un tempo amici e collaboratori, diventano presto i generali a capo delle due fazioni avversarie e saranno visionari nello sfruttare l'opportunità di mercato che il panorama sociale gli offre. È qui che l'hiphop diventa fenomeno culturale a tutti gli effetti e si trasforma in un vero e proprio stile di vita. Ed è proprio Tupac a dare un nome a questo modo di vivere: crea l'idea di T.h.u.g. l.i.f.e, letteralmente "The hate u give little infants fuck everybody" ponendo l'accento sull'importanza di salvaguardare le nuove generazioni dall'odio gratuito per ottenere risultati migliori nelle società del futuro. A livello mediatico però il termine assume fin da subito connotazioni negative diventando sinonimo di violenza e di quella vita criminale tipica dei rapper di quegli anni.

Espressioni come We're gona kill you all motherfucker sfuggono presto di mano: nel 1994 lo stesso Tupac subisce a New York un attacco personale dove viene raggiunto da 5 colpi di pistola e si assiste in tutto il paese ad un escalation di accoltellamenti e sparatorie tra membri della Est e quelli della West coast. Tutto questo ha per anni gonfiato (e continua a gonfiare tutt'oggi) le tasche delle case discografiche, del cinema e della stampa che hanno da sempre cavalcato l'onda della rivalità, galvanizzandone l'ipatto sulla cultura di massa.

 

Eredità

E' di qualche giorno fa la notizia che la nota casa d'aste Gotta have rock and roll è pronta a battere per una base di 7500 dollari una serie di fotografie che ritraggono il pene di 2pac. Mettere un prezzo a delle fotografie del pene del rapper la dice lunga sull'iconocità che ha assunto la sua immagine. Oggi si possono aqcuistare tazze, t-shirt, cappellini, orologi, borse con sopra stampata la faccia di Tupac Shakur. E questo non perchè Tupac si facesse fotografare nudo alle feste, o perchè andasse in giro armato e ubriaco ma perchè è stato in grado di trasformare l'hiphop, elavandolo da semplice genere musicale a vero e proprio movimento di resistenza culturale.Tupac Shakur ha saputo raccontare le conseguenze delle politiche di abbandono perpretrate nelle aree più povere degli StatiUniti, vivendo sulla sua pelle quello che la "fuga dei bianchi" dalle grandi città aveva prodotto: disagio, ghettizzazione, diffusione delle droghe, criminalità, una nuova cultura giovanile basata sull'appartenenza ad una gang. 2Pac è stato capace di decodificare la rabbia diffusa nelle classi più povere della società, generando un fenomeno commerciale di massa. Ha creato una sorta di controcultura nera basata sull'hiphop inteso come spinta positiva, come forma di comunicazione e come mezzo di aggregazione per darsi un'aspettativa contro un destino già segnato da motivi etnico-sociali.

Quello che non è stato in grado di fare il rapper è stato evitare la sua tragica fine: muore ammazzato a soli venticinque anni raggiunto da quattro colpi di pistola sparati da un'auto in corsa. Ma d'altronde, come spesso era solito affermare lui stesso: All good niggas, all niggas who change the world, die in violence.

 

Licenza Creative Commons
Condizioni d'uso e riproduzione

Francesca

Università degli Studi di Milano. Laureata in Scienze Politiche Internazionali. La musica rock. Ballare sotto la pioggia. Una birra con gli amici. Un giro in bicicletta il giorno prima del tuo compleanno. La Juve che vince in Champions. The joints. Il post-sbornia nelle lenzuola pulite. Un tuffo dallo scoglio più alto. La risata di mia mamma. Dormire fino a tardi senza sentirsi in colpa. Il poker del lunedì. Cantare in macchina a squarciagola. Io e il mio cane al parco la domenica pomeriggio.

Lethal Aid and the Syrian Chessboard

Distributing lethal aid to Syrian rebels will escalate the international proxy war. Following a string of high-profile victories by Syrian government forces, the Obama administration announced that...

Climate Change: Are We there Yet?

Is the current heat wave caused by climate change? In early 2017, Fair Observer published my article just ahead of President Donald Trump’s inauguration discussing the possible cour...

The Daily Devil’s Dictionary: Be “Available” and Get Rich

This is how to make yourself available and rich in our culture. Yahoo News asked best-selling author Jen Sincero why so many people aren’t rich. Her answer tells us a lot about US culture today....