Ti trovi qui: / / UDS: la fiducia al ddl scuola è un atto vergognoso

UDS: la fiducia al ddl scuola è un atto vergognoso

Il duro commento dell’Unione degli Studenti al voto di fiducia del ddl scuola avvenuto al Senato. Gli studenti parteciperanno al corteo pomeridiano da Bocca della Verità a Campo De’ Fiori.

“La fiducia sul maxi-emendamento del ddl scuola è l'ennesimo atto autoritario e inaccettabile di un Governo non votato da nessuno e sempre più chiuso nei palazzi. La retorica del Premier sul cambiamento non ha convinto nessuno e lo abbiamo dimostrato nelle piazze. La vera sfiducia arriva dalle scuole e dal Paese!” - dichiara Danilo Lampis coordinatore nazionale dell'Unione degli Studenti - “Il Governo è completamente sordo alle istanze di chi la scuola vuole cambiarla sul serio ma in una direzione completamente opposta a quella loro. Non si può riformare la scuola pubblica con la dittatura della maggioranza: il ddl va bloccato, vanno stralciate le assunzioni dal testo e aperto un vero dibattito democratico nel Paese.

“In un Paese dove uno studente su cinque abbandona gli studi, dove le disuguaglianze sociali aumentano non si può rispondere con una riforma che non investe un euro sul diritto allo studio!” - continua Lampis - “Il modello di scuola del Governo risponde soltanto agli interessi delle imprese, dei presidi-manager e alle logiche valutative degli Invalsi. Le scuole dovranno diventare "imprenditrici" per autopromuoversi recependo fondi dal territorio e saranno palestre di clientelismi, autocrazia e assenza di diritti per studenti e lavoratori. Il risultato è solo quello di inasprire le disuguaglianze già oggi ben visibili e nel mentre continuare ad aiutare e scuole private!

Il Governo ha tacciato gli studenti come conservatori o “squadristi”, ma noi siamo i primi che vogliamo cambiare radicalmente la scuola italiana: è Renzi che insegue la vecchia scia di Berlusconi” - continua Lampis - “Vogliamo un "Altra Scuola" giusta che riparta da sette priorità: un nuovo diritto allo studio col fine di raggiungere la piena gratuità dell'istruzione; un'alternanza scuola-lavoro finanziata e qualificata; finanziamenti per il rilancio della scuola pubblica; una riforma della valutazione in chiave democratica; investimenti sostanziosi sull'edilizia scolastica; un ripensamento radicale dell'autonomia scolastica; una riforma dei cicli scolastici, dei programmi e della didattica.”

“Non ci fermeremo. La mobilitazione di oggi non è che l’inizio di una nuova ondata di agitazione che arriverà sino all’autunno che punterà a bloccare in ogni modo l'applicazione di questa riforma. La scuola e la democrazia sono nelle nostre mani e noi non ci arrenderemo. Possono pure votare, se credeno che basti questo a costruire il Paese diseguale e antidemocratico che vorrebbero. Ma si sbagliano di grosso. Da settembre dimostreremo che le scuole e le città sono di chi le vivono realmente.”

Licenza Creative Commons
Condizioni d'uso e riproduzione

Digital Transformation in the Hospitality industry - Workshop

"From Keyless to Hotel & Vacation Rentals Automation"

Workshop - Digital transformation in the fashion industry

How to exploit DTC, the new paradigm in the retailing industry