Ti trovi qui: / / Università di Teramo, “Un calcio ai pregiudizi”: una festa di amicizia

Università di Teramo, “Un calcio ai pregiudizi”: una festa di amicizia

Si è concluso, ieri mattina, con la vittoria di una rappresentativa di detenuti di diverse nazionalità il triangolare di calcio a 7, “Un calcio ai pregiudizi”, che ha visto per protagoniste anche due compagini universitarie (composte da studenti universitari e collaboratori del Cus Unime) all’interno della Casa Circondariale di Gazzi.

Il Rettore, prof. Pietro Navarra, e il Direttore dell’Istituto, Dott. Calogero Tessitore, hanno voluto organizzare l’evento per rilanciare una visione dello sport come strumento di promozione di valori meritevoli e di tutela sociale, quali il rispetto reciproco dei contendenti, la solidarietà e il sacrificio individuale a vantaggio del risultato collettivo. L’iniziativa, nata da un’intuizione del Delegato alle attività sportive dell’Università, Prof. Daniele Bruschetta, si è rivelata una festa di amicizia in cui lo sport non ha rappresentato solo un momento agonistico, ma anche, e sopratutto, un momento di impegno civile e sociale.

Tutti i rappresentanti delle istituzioni hanno manifestato entusiasmo per la perfetta riuscita del torneo, annunciando per il futuro ancora altre iniziative analoghe.

Licenza Creative Commons
Condizioni d'uso e riproduzione

What Modern Science Can Learn from Indigenous Knowledge

The assumption is that what works in wealthy countries can work anywhere. Advancements in the science of building design for earthquake resilience are enabling the development of high-ris...

When Popularity Becomes a Problem on the World’s Summit

Is Mount Everest the ultimate successful branded product, made in Asia, but benefiting from all the political and marketing genius of the imperial West? Once upon a time, Mount Everest throned at t...